I comuni dell'entroterra firmano il “Patto per l’attuazione della sicurezza urbana”

Cattolica, Mondaino, Montegridolfo, Saludecio, San Giovanni in Marignano e Santarcangelo hanno sottoscritto il documento in Prefettura

E’ destinato a crescere l’ambito di attuazione dei sistemi di prevenzione e di video sorveglianza nel nostro territorio con i Comuni di Cattolica, Mondaino, Montegridolfo, Saludecio, San Giovanni in Marignano e Santarcangelo di Romagna che oggi hanno sottoscritto in Prefettura il “Patto per l’attuazione della Sicurezza Urbana”. Firma del Patto che è “conditio sine qua non” per poter potenzialmente accedere al fondo speciale dello Stato, appositamente previsto per favorire l’installazione di sistemi di videosorveglianza da parte dei Comuni che ne facciano richiesta (art.5 c.2 ter ss legge 18 aprile 2017, n.48 di conversione con modificazioni del decreto legge 20 febbraio 2017 n.14). In attesa dell’emanazione delle Linee guida che dovranno essere adottate su proposta del Ministro dell’Interno, con accordo sancito in sede di Conferenza Stato – Città e autonomie locali, anche ai fini della ripartizione delle risorse rese disponibili, i citati Comuni hanno quindi creato tutti i presupposti di accesso entro i previsti termini del 30 giugno 2018. Ciascun Comune, nel quadro proposto dal Ministero dell’Interno in adesione alla normativa vigente, ha potuto inserire nel Patto di pertinenza elementi specifici del territorio di competenza e, pertanto, la sottoscrizione bilaterale (Comune/Prefettura) risulta essere diversa per ognuno dei sei Comuni interessati.

Le parti, nel rispetto delle reciproche attribuzioni, si sono impegnate ad adottare strategie congiunte volte a migliorare la percezione di sicurezza dei cittadini, a contrastare ogni forma di illegalità e a favorire l’impiego delle Forze di polizia per far fronte alle esigenze straordinarie del territorio, richiamandosi al ruolo di centralità del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, quale sede privilegiata di esame e di coordinamento delle iniziative in materia di politiche di sicurezza urbana. Il Patto prevede, inoltre, che presso la Prefettura-Ufficio Territoriale del Governo venga istituita una cabina di regia, composta dai rappresentanti delle Forze di polizia e della Polizia locale, con il compito di monitorare semestralmente lo stato di attuazione. Verifica che, tra l’altro, consentirà al Prefetto di acquisire i necessari elementi per la predisposizione della relazione informativa all’Ufficio per il coordinamento e pianificazione delle Forze di polizia del Dipartimento della Pubblica Sicurezza. La durata del Patto è stabilita sino al completamento delle procedure previste dal decreto interministeriale (Ministro dell’Interno e Ministro dell’Economia e delle Finanze) 31 gennaio 2018, con il quale sono definite le modalità di presentazione delle richieste da parte dei Comuni interessati, nonché i criteri di ripartizione delle risorse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, preso di mira un supermercato

Torna su
RiminiToday è in caricamento