I partigiani ricordano l'eccidio dei tre martiri riminesi

Una serie di iniziative per commemorare Mario Capelli, Luigi Nicolò e Adelio Pagliarani

L'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia Sezione di Rimini presenta le iniziative organizzate, in collaborazione con il Comune di Rimini, per il 16 agosto 2019 in ricordo dei Tre Martiri Partigiani Mario Capelli, Luigi Nicolò, Adelio Pagliarani, trucidati dai nazifascisti il 16 agosto 1944. Venerdì 16 agosto alle ore 10, con partenza in Piazza Cavour, si terrà la Cerimonia commemorativa, nel corso della quale verranno deposte corone di alloro in Piazza Tre Martiri, in Piazza Ferrari e in via Ducale. Interverrà la "Banda Città di Rimini". Alle ore 21, presso la Corte degli Agostiniani (via Cairoli,40 Rimini), si terrà la Premiazione della IX edizione “Premio Vincenzo Mascia”; premio rivolto ai ragazzi delle scuole riminesi. Subito dopo, alle ore 21.30, ci sarà lo spettacolo dal titolo "La più selvaggia sete, la più selvaggia fame”, sempre presso la Corte degli Agostiniani. Lo spettacolo è un monologo sulla Resistenza partigiana, scritto e interpretato da Roberto Mercadini. Ingresso gratuito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo spettacolo è, per così dire, un “monologo corale”. Roberto Mercadini, solo sul palco, evoca una moltitudine rutilante di personaggi e di storie. Lampi tragici o esilaranti, eroici o ridicoli, teneri o spietati. La storia incredibile dell’ubriaco di Roversano o quella struggente del tedesco senza più nome. Perché la Resistenza e ciò che ne seguì, origine e fondamento della nostra #Repubblica, fu un groviglio vertiginoso di cose diverse e, spesso, estreme. Così gli occhi scorgono la più pura luce, la più oscura tenebra. Il titolo cita Paul Celan, poeta ebreo deportato dai nazisti. Ma ricorda anche il Vangelo di Matteo: “beati quelli che hanno fame e sete di giustizia”. Ecco, i partigiani ebbero, forse, “la più selvaggia fame, la più selvaggia sete”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento