"Illegittimo il Masterplan di Rimini", clamorosa sentenza del Tar

E' destinata a creare conseguenze la decisione dei giudici del Tribunale Amministrativo Regionale

Il Masterplan del Comune di Rimini, come strumento urbanistico, è "illegittimo". Infatti si tratta di un "atto pianificatorio avente diretta e concreta incidenza sui piani sotto ordinati, sulle iniziative e sugli interventi dei privati, che si palesa quale entità del tutto estranea al diritto positivo sia di livello nazionale che regionale, con conseguente illegittimità dello stesso". E' destinata a creare conseguenze la sentenza, pubblicata ieri, con cui il Tar dell'Emilia-Romagna accoglie il ricorso presentato da alcuni residenti della frazione di Santa Giustina per annullare due delibere del Consiglio comunale riminese: quella del 26 marzo 2013 di diniego del piano particolareggiato presentato su via Borghi; e quella del 13 dicembre 2012 del Masterplan strategico, in base al quale è stato bocciato il piano. Come si legge nella sentenza, il Consiglio comunale di Rimini in base a un "atipico atto pianificatorio" aveva respinto la richiesta del piano particolareggiato, che risultava però conforme al Ptcp (Piano territoriale di cooordinamento provinciale) e al Piano regolatore vigente, non in contrasto con il Psc (Piano strutturale comunale) e non soggetto a Vas (Valutazione ambientale strategica). Pareri favorevoli erano arrivati anche dai tecnici del Comune. Così i residenti hanno fatto ricorso per violazione dei principi generali della pianificazione urbana e per eccesso di potere. Palazzo Garampi, prosegue la sentenza, si è costituito in giudizio sostenendo che i ricorrenti non hanno più un "interesse concreto" sulla vicenda dato che sono stati nel frattempo approvati i nuovi strumenti urbanistici. Dunque il ricorso e' infondato e va ritirato.

La pensa diversamente, appunto, il Tar regionale, con l'udienza pubblica che si tiene l'11 ottobre scorso. C'è ancora interesse dei ricorrenti per "una pronuncia di illegittimità degli atti impugnati finalizzata alla successiva introduzione di un'azione risarcitoria". Inoltre risultano "fondati i mezzi di impugnazione con i quali si rileva l'illegittimità del provvedimento di diniego del piano particolareggiato per carenza di motivazione e per illegittimita' derivata e l'illegittimità del presupposto atto pianificatorio per violazione dei principi generali di tipicità degli atti di pianificazione urbanistica". Insomma motivazioni non sufficienti e illegittimità del Masterplan. Infatti, precisa ancora la sentenza, se fosse, come viene ritenuto dalla maggioranza, un atto di indirizzo della pianificazione urbana le sue previsioni dovrebbero essere "punto di partenza" e "parametro di riferimento" per la modifica degli strumenti urbanistici. E in effetti il Consiglio comunale, approvandolo, "ha inteso, pur surrettiziamente ma direttamente modificare già nell'immediatezza, l'indirizzo pianificatorio urbanistico di cui sono espressione prima il Prg e attualmente Psc, Poc e Rue". Il tutto "con uno strumento urbanistico del tutto atipico e assolutamente non previsto dalla legislazione urbanistica a livello nazionale e regionale". Senza dimenticare che il via libera in aula è arrivato "mediante semplice deliberazione, senza seguire i tipici iter procedimentali con tutte le relative conseguenze in relazione alla accertata mancanza di tutte le garanzie in tema di pubblicità e di partecipazione della cittadinanza previste".

Ecco perchè, conclude la sentenza, "l'accertata illegittimità del Masterplan si riverbera, in via derivata, sul parimenti gravato diniego di approvazione del piano particolareggiato, che essendo basato unicamente su tale atto presupposto, è anch'esso illegittimo perchè privo di motivazione". Dunque ricorso accolto e annullati gli atti impugnati. Inoltre "sussistono giusti motivi per disporre l'integrale compensazione delle spese di lite tra le parti, in considerazione della novità e della peculiarità della vicenda esaminata".
(Agenzia Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: come ottenere il codice per vincere fino a 5 milioni di euro

  • Dpcm 3 dicembre: feste di Natale solo tra conviventi, viaggia solo chi deve rientrare nella residenza

Torna su
RiminiToday è in caricamento