menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'analisi sull'andamento epidemico: "Contagi in calo ma resta il livello rosso"

Secondo i dati forniti dall'Ausl Romagna la curva tende verso il basso con una più lenta occupazione dei posti letto negli ospedali, Altini: "Mai abbassare la guardia"

Sono stati diffusi dall'Ausl Romagna i dati sull'evoluzione a una settimana del quadro epidemiologico dell'infezione da Covid 19. I numeri, che riguardano il periodo dal 29 marzo al 4 aprile, forniscono una situazione più dettagliata rispetto a quelli forniti quotidianamente e indicano un progressivo abbassarsi della curva epidemiologica. Nella settimana di riferimento, si sono verificate 3.450 positività su un totale di 34.287 tamponi eseguiti; si osserva quindi un tasso di positività del 10,1 per cento, evidenziando, anche in questa settimana, una diminuzione del trend dei nuovi casi positivi, nel territorio romagnolo. La performance dei tempi di refertazione dei tamponi, entro le 48 ore, si mantiene alta, registrando  il 93,3 per cento. Per quanto riguarda l'indicatore relativo alle persone ricoverate, su tutta la Romagna, a lunedì 5 aprile, si registra la quota di 644 ricoveri, con una diminuzione di 103 ricoverati rispetto alla settimana precedente, pur rimanendo l'azienda all'interno del livello rosso del Piano ospedaliero Covid; anche i riempimenti nelle terapie intensive sono in calo, sia in termini assoluti che percentuali.

“Anche questa settimana - commenta Mattia Altini, direttore sanitario di Ausl Romagna - la circolazione del virus si conferma in calo. Un dato che si riverbera, anche se in maniera comprensibilmente più lenta sull’occupazione dei posti letto anche nelle terapie intensive.  Siamo quindi in una situazione complessiva relativamente più  “tranquilla”, anche se in un quadro in cui non si deve mai abbassare la guardia. Prosegue nel contempo la campagna vaccinale e l’accordo siglato in queste ore con i medici di medicina generale,  ci consentirà di accelerare con le somministrazioni dei pazienti al domicilio  e con i loro cargive e conviventi. Si spera che nelle prossime settimane l’approvvigionamento dei vaccini possa ulteriormente incrementare per permetterci di proseguire celermente anche con la fascia di popolazione dai 70 ai 74 anni di età che a partire dal 12 aprile comincerà a prenotarsi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rimini sotterranea tra misteri e curiosità

Attualità

Simona Ventura fa tappa anche in un famoso locale della Valmarecchia

Attualità

Ciak in Romagna, avanti con i casting per il film "Le proprietà dei metalli"

Auto e moto

Cambio gomme: scatta l'obbligo di montare le estive


Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Speciale

    In fila alla cassa o sdraiati sul divano?

  • Cronaca

    Un videogame ambientato a Rimini coi personaggi della città

  • Video

    VIDEO | Tromba d'aria in mare

Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento