Lavoratori in nero al buskers festival di Pennabilli, guai per il titolare della ditta

L'azienda, che si occupa di allestimenti, impiegava dipendenti senza il regolare contratto. I controlli dei carabinieri fanno arrivare sanzioni per 8mila euro

I controlli dei carabinieri di Novafeltria per il contrasto del lavoro nero, fatti in occasione dell'ultimo buskers festival di Pennabilli, hanno portato alla denuncia del titolare di una ditta di allestimenti e alla scoperta di 3 lavoratori irregolari di cui 2 clandestini. I militari dell'Arma, infatti, hanno pizzicato un 28enne ed un 27enne, entrambi di nazionalità ucraina e sprovvisti del previsto permesso di soggiorno, che lavoravano per un 27enne albanese titolare dell'azienda che si occupa di alcuni allestimenti della manifestazione. Per l'albanese è scattata la denuncia per aver impiegato al lavoro cittadini extracomunitari sprovvisti del permesso di soggiorno e non risultanti da scritture o da altra documentazione di lavoro e una sanzione pari ad un importo di 8 mila euro. L'attività imprenditoriale, inoltre, è stata sospesa in attesa di eventuale regolarizzazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

Torna su
RiminiToday è in caricamento