Le Iene intervistano il pusher di Pantani: "Il Pirata è stato ucciso"

Fabio Miradossa racconta la sua verità su quanto accaduto nel residence Le Rose di Rimini dove il ciclista fu trovato senza vita

Nella puntata che andrà in onda stasera alle 21:15 la Iena Alessandro De Giuseppe torna ad occuparsi della morte di Marco Pantani. Un caso su cui pochi giorni fa anche il procuratore di Rimini ha messo la parola fine. Ma le Iene sembrano non volersi arrendere. Il corpo del Pirata venne ritrovato senza vita il 14 febbraio 2004 nella sua stanza d’hotel al residence Le Rose di Rimini. La giustizia ha chiuso il caso come morte per overdose da cocaina. Le Iene hanno intervistato per la prima volta da quando è uscito dal carcere Fabio Miradossa, lo spacciatore che rifornì di droga il Pirata e che gli avrebbe procurato anche l’ultima dose, quella che risulterà fatale secondo i giudici. “Ci siamo conosciuti al Pineta - ha detto il pusher alle Iene -  Marco non è morto per cocaina, ma è stato ucciso. Forse chi l’ha ucciso non voleva farlo. Non so perché all’epoca giudici, polizia e carabinieri non siano andati a fondo. Hanno detto che Marco era in preda del delirio per gli stupefacenti, ma io sono convinto che Marco quando è stato ucciso era lucido".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta all'alba, si toglie la vita nel parcheggio del centro commerciale

  • Pronto a nascere il maxi outlet con un investimento da 150 milioni di euro

  • Aereo "perde" il motore, atterraggio d'emergenza al "Fellini"

  • Clan emergente voleva prendersi Rimini con una guerra di camorra: segno distintivo, le mani frantumate col martello

  • A Le Iene la verità di Miradossa: "Pantani ucciso per portargli via 20mila euro"

  • Maxi operazione anti mafia dei carabinieri, 10 arresti

Torna su
RiminiToday è in caricamento