Marzio Pecci, Lega Nord: "Rimini è capitale dell'illegalità"

Per il candidato sindaco la città è ostaggio della malavita organizzata e il primo cittadino ha perso il controllo del territorio

Marzio Pecci, candidato sindaco Lega Nord

Rimini ostaggio della malavita organizzata. Un allarme lanciato dal candidato a sindaco Marzio Pecci (Lega Nord). "Andrea Gnassi ha perso il controllo del territorio, Rimini è capitale dell’illegalità - afferma Pecci - la città è in mano ad abusivi e nuclei criminali. Sul fronte sicurezza arriva questa dura denuncia, pochi giri di parole e accuse precise alla Giunta Gnassi di "menefreghismo e disinteresse".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pecci ribadisce la necessità di attuare "Tolleranza zero nei confronti di chi delinque e non rispetta le regole", l'unico modo per ridare fiducia ai cittadini e promuovere il principio della legalità sul territorio riminese.
"La situazione venutasi a creare nell’area agricola di via Verenin Maria Grazia, s.n., angolo SS16, - spiega Pecci - è solo un esempio di come il primo cittadino abbia sorvolato sull’emergenza sicurezza e legalità. L’area agricola, infatti, è da tempo luogo di incontro per lo svolgimento di manifestazioni abusive, schiamazzi notturni e disturbo della quiete pubblica. Nonostante le segnalazioni e le proteste dei residenti l’Amministrazione comunale ha preferito fare finta di niente e concentrarsi su altre “presunte” priorità - tuona Pecci - ma la situazione è fuori controllo e il germe della microcriminalità sta cedendo il passo a quello della criminalità organizzata e delle infiltrazioni mafiose. Il lassismo del Pd - conclude Pecci - ha prestato il fianco al cancro dell’abusivismo che, com’è noto, non si riduce al proliferare di lavavetri e venditori abusivi sul litorale, ma si traduce altresì nell’indifferenza collettiva al rispetto delle regole».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento