Mini-imu, Comune scoperto per 880mila euro: o paga lo Stato, o i cittadini

Il decreto sulla mini Imu lascia il Comune di Rimini per ora scoperto di 880.000 euro, rispetto all'imposta poi cancellata e poi ancora rimessa per decreto solo in parte per quanto concerne l'addizionale comunale

Il decreto sulla mini Imu lascia il Comune di Rimini per ora scoperto di 880.000 euro, rispetto all'imposta poi cancellata e poi ancora rimessa per decreto solo in parte per quanto concerne l'addizionale comunale. Lo spiega l'assessore al Bilancio Gian Luca Brasini: “Si poteva evitare di far pagare l’Imu sulla prima casa a tutti, lasciandola per i più abbienti. Così come siamo d’accordo con la battaglia di principio che ha lanciato il sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci”.

Ricorda Brasini: “Il Governo, abolendo l’Imu sulla prima casa, si era fatto carico di coprire le entrate mancanti per i Comuni e deve mantenere l’impegno preso, senza far ricadere il carico sui cittadini e sugli enti locali, alle prese con provvedimenti fiscali a catena che hanno generato solo confusione e problemi. Un Comune per pianificare investimenti e per garantire i servizi ai propri cittadini ha bisogno di certezze: non si può arrivare a dicembre con i bilanci ancora in bilico perché da Roma si cambiano le carte in tavola ad ogni soffio di vento. Speriamo quindi fino all’ultimo che il Governo torni sui suoi passi, cambiando un decreto che, alla fine, penalizza tutti”.

Tuttavia, l'assessore al bilancio ne ha anche per “il 'ragioniere per caso' Gioenzo Renzi, che non ha perso tempo per sparare numeri a caso, addossando alla Giunta di aver deciso deliberatamente di non abbassare l’aliquota Imu creando un danno ai cittadini. Prima però di ogni considerazione politica, preferisco ribattere a Renzi direttamente con le cifre. L’1 per mille che rappresenta la differenza tra l’aliquota base per la prima casa e lo 0,5 che ha stabilito questa Amministrazione, vale 4.400.000 euro. Il decreto prevede che il 60% venga rimborsato dallo Stato e il restante 40% invece dai cittadini, quindi al massimo 880.000 euro (se il 40% sarà riferito solo alla seconda rata)”.

“Presentare, come ha fatto Renzi, un emendamento per chiedere di abbassare le tasse è molto semplice e anche molto popolare. Molto più difficile trovare, a bilancio chiuso, le risorse per coprire quei 4,4 milioni e su questo, da Renzi, non abbiamo avuto suggerimenti, né proposte. Non abbiamo capito quali servizi avrebbe tolto o quali spese avrebbe tagliato per compensare quei milioni. Questa Amministrazione sulle politiche fiscali ha lavorato seriamente, garantendo la massima equità, adottando tutti gli strumenti per non gravare sui cittadini, senza ritoccare le aliquote al rialzo, facendo attenzione alle fasce deboli. Con i proclami e facendo i conti con lo spannometro, non si può garantire nulla di questo”.

Ed infine: “Tornando al “famigerato decreto”, a giovedì scorso Rimini sembrava non dovesse rientrare, in virtù del fatto che il nostro Comune non ha aumentato l’aliquota rispetto al 2012, come confermava una comunicazione sul sito del governo di mercoledì 27 novembre. Lo stesso motivo per cui anche il sindaco Matteucci non è intervenuto in extremis modificando il regolamento. Per questo, ribadiamo la convinta adesione alla battaglia del primo cittadino di Ravenna, affinché lo Stato restituisca quanto aveva promesso”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento