Riccione attende la 'Notte Rosa': stabilito il piano sicurezza e anti-degrado

Nel corso della riunione il sindaco Renata Tosi ha voluto sottolineare che "la Notte Rosa è un evento di cui va colta la grande potenzialità che esprime ma che va intesa come una grande festa e non come un focolaio di problemi

Martedì pomeriggio nella Sala Consiliare del Comune si è tenuto l'incontro per pianificare gli interventi per tutelare ordine pubblico e decoro in vista del massiccio esodo che durante la Notte Rosa interesserà la città. Sono stati valutati gli interventi necessari a garantire il regolare svolgimento della manifestazione, in programma questo fine settimana. E’ stata sottolineata l’importanza di operare in sinergia per far sì che la Notte Rosa sia un successo sotto tutti i punti di vista.

Tra le principali iniziative è stata disposta la costituzione per la prima volta a Riccione un presidio fisso interforze nel Palazzo del Turismo per la definizione di tutte le misure necessarie di emergenza. L’altro argomento affrontato ha riguardato anche le iniziative da intraprendere per la definizione di un piano d’azione per la sicurezza nell’area della stazione ferroviaria,  dei parcheggi limitrofi e nelle zone circostanti. In proposito, è stata condivisa, tra l’altro, l’opportunità di dislocare nelle aree di maggiore affluenza, stazione ferroviaria, piazzale Roma e Marano, un congruo numero di bagni chimici e di adottare un provvedimento ancora più restrittivo della vendita di bevande in contenitori in vetro.

>>NOTTE ROSA 2014: IL PROGRAMMA NEL RIMINESE<<

Sono stati, inoltre, concordati mirati dispositivi di controllo e vigilanza da parte delle Forze dell'Ordine con la collaborazione della Polizia Municipale per contrastare il proliferare disordinato e ingovernabile di bivacchi notturni nei parchi o nelle spiagge, la vendita ambulante non autorizzata di alcool, il degrado e le scorribande nelle zone a mare. Mentre ad Hera sarà richiesto uno sforzo maggiore per rendere vivibile e decorosa la città già al risveglio, con interventi di riordino e di pulizia straordinari. Nella zona del Marano opereranno cento  operatori privati della sicurezza con una postazione fissa e un’area destinata al pronto intervento delle ambulanze.

Nel corso della riunione il sindaco Renata Tosi ha voluto sottolineare che “la Notte Rosa è un evento di cui va colta la grande potenzialità che esprime ma che va intesa come una grande festa e non come un focolaio di problemi. Da qui l’esigenza di attrezzare per il meglio la città perché sia in grado di assorbire un flusso di gente così massiccio, limitandone il più possibile eventuali danni o inconvenienti. Tutto questo  fermo restando che una riflessione generale sull’evento diventa ormai imprescindibile”

All’incontro, presieduto dal sindaco, hanno partecipato il comandante della Stazione dei Carabinieri, della Polizia di stato, della Capitaneria del Porto, i referenti della Start per il servizio di trasporto pubblico, il Vice Sindaco e Assessore alla Polizia municipale, l’Assessore al Turismo e il comandante della Polizia municipale del Comune di Riccione, i rappresentanti delle categorie economiche e delle associazioni dei bagnini, degli albergatori e dei comitati d'area

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

Torna su
RiminiToday è in caricamento