Padre padrone maltratta la figlia perchè vuole vivere all'occidentale

All'ennesima feroce litigata con la ragazza, la giovane ha chiesto aiuto alla polizia di Stato

Una 20enne tunisina ha denunciato il proprio padre per maltrattamenti in famiglia dopo l'ennesima, feroce, litigata col genitore che non approvava il suo stile di vita troppo occidentale. La vita della ragazza, residente a Rimini, era diventata un vero e proprio inferno fatta di continui rimproveri, minacce e vessazioni da parte del 50enne. Lei, nata e vissuta in Italia, si comportava come una normale giovane con le sue amicizie ma, arrivata all'adolescenza, il padre ha iniziato a storcere il naso per le sue frequentazioni che, agli occhi dell'uomo, erano inappropriate. Pedinamenti e rimproveri si erano fatti sempre più frequenti fino ad arrivare a vere e proprie minacce di morte se la sorprendeva in palestra, in discoteca o in compagnia di qualche ragazzo. Tensioni sempre più pesanti tanto che, oramai, il clima famigliare era arrivato ad essere definitivamente compromesso con la furia del 50enne che si riversava anche sulle amiche della figlia colpevoli, a suo dire, di portare la 20enne alla perdizione.

L'escalation arriva al suo culmine alla fine di agosto quando, durante l'ennesima litigata, il tunisino si trasforma in una furia arrivando ad alzare le mani sulla figlia. Oramai stufa di questa situazione, la giovane aveva così chiesto aiuto al 113 e, sul posto, era accorsa una Volante della polizia di Stato. Nemmeno la presenza degli agenti aveva calmato il tunisino che, trattenuto a stento dalle divise, voleva scagliarsi addosso alla 20enne. E' stato a questo punto che la giovane ha dovuto fare la sua scelta e, oltre a denunciare il padre, ha deciso di fare i bagagli e lasciare sia la casa che la famiglia. La giovane è stata così accolta da un'associazione riminese che, in un primo momento, l'ha tenuta nascosta al genitore permettendole, allo stesso tempo, di rifarsi una vita e trovare un lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

Torna su
RiminiToday è in caricamento