Parcheggiatori abusivi, tre sanzioni in piazza Malatesta

E' stato inoltre sanzionato un gruppo di suonatori che, intenti a installare la loro postazione musicale, sono risultati sprovvisti dell'occupazione di suolo pubblico

Immagine di repertorio

Sono stati tre i parcheggiatori abusivi colti in flagrante dagli agenti della Polizia municipale di Rimini in piazza Malatesta durante un’operazione di controllo del territorio nell'ambito dell'attività di decoro e antidegrado. “Quella per il decoro e contro il degrado - ha detto l’assessore alla Sicurezza Jamil Sadegholvaad - riteniamo sia tra i compiti peculiari della Polizia municipale uno dei più importanti, perché si tratta di atti di apparente gravità minore rispetto ai reati, ma che come quelli che con grande sforzo siamo impegnati a contrastare incidono fortemente sulla vivibilità delle persone.”

Ai tre, di diversa nazionalità tra cui un italiano, è stata contestata la violazione delle disposizioni previste dal codice della strada, con una sanzione di mille euro ciascuno e, come sanzione accessoria, la confisca delle somme percepite. Una disposizione che ha così consentito agli agenti di procedere alla confisca a uno dei tre dei proventi dell'attività illecita pari a 75 euro, tutti in monete di piccolo taglio. Nel corso dei controlli è stato sanzionato inoltre un gruppo di suonatori peruviani che, intenti a installare la loro postazione musicale, sono risultati sprovvisti dell'occupazione di suolo pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

Torna su
RiminiToday è in caricamento