Paura all'alba, famiglia intossicata dalle esalazioni del monossido di carbonio

Intervento dei vigili del fuoco e del personale del 118 per soccorrere due adulti e una bambina

Momenti di paura, all'alba di martedì, per una famiglia di origini filippine rimasta intossicata dalle esalazioni del monossido di carbonio. L'allarme è scattato poco prima delle 6 quando, da una palazzina al civico 23 di viale principe Amedeo, è arrivata la richiesta di aiuto per un malore che aveva colpito padre, madre e figlia. Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco e il personale del 118, con due ambulanze e l'auto medicalizzata, con i sanitari che hanno prestato le prime cure ai tre intossicati. Ad avere la peggio sono state la mamma, una 30enne, e la bambina di 4 anni portate al pronto soccorso dell'Infermi con un codice di media gravità. Il capofamiglia, un 35enne, non avrebbe riportato conseguenze. Dalle prime indagini dei vigili del fuoco, pare che a causare l'intossicazione da monossido di carbonio sia stato una griglia a carbonella utilizzata in modo improprio la sera precedente all'interno dell'abitazione per cuocere della carne e che, durante la notte, ha consumato tutto l'ossigeno. Al momento le due persone intossicate non sarebbero in pericolo di vita e, in viale principe Amedeo per gli accertamenti di rito, è intervenuta anche una pattuglia dei carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento