Minorenne perde il cellulare e ritrova il video erotico di cui è protagonista in rete

Calvario per una 15enne che si è rivolta alla polizia Postale, nei guai tre ragazzi che lo avrebbero diffuso nelle chat di Whatsapp

Una leggerezza costata molto cara a una 15enne che, dopo aver perso il cellulare, ha scoperto che un video erotico che la vedeva come protagonista stava facendo il giro del web attraverso le chat di Whatsapp. Il prologo risale a qualche mese fa quando, durante una manifestazione sportiva, la minorenne si rende conto di non trovare più il proprio smatphone e, per questo, chiede alla direzione dell'evento di fare un annuncio. Tutto sembra andare per il meglio perchè, alla fine della giornata, la 15enne ritorna in possesso del suo telefonino. La questione sembrerebbe essere finita ma, poco dopo, il mondo le crolla letteralmente addosso. Iniziano, infatti, i primi sussurri su di lei tra gli amici e i compagni di scuola fino a quando la ragazzina si rende conto di essere sulla bocca e sui cellulari di tutti. A svelarle il motivo è un'amica che le racconta di come stia girando un suo video hard.

Qualcuno, che aveva trovato lo smartphone della 15enne, era riuscito a sbloccarlo e, frugando tra i file, aveva scoperto il filmino realizzato dalla 15enne. Con un secondo telefonino lo avevano filmato e, poi, iniziato a diffonderlo a macchia d'olio. E' così scattata una denuncia alla polizia Postale e, vista l'età della giovanissima, della faccenda se ne è occuapta la Dda di Bologna ravvisando il reato di diffusione di materiale pedopornografico. Dalle indagini è emerso che gli autori della copia avevano lasciato la loro "firma": si sentirebbero le loro voci che sghignazzano e commentano mentre registrano il video dal cellulare della minorenne. E' stato così possibile risalire a tre 20enne che, al momento, risultano indagati per il reato di diffusione di materiale pedopornografico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento