menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prevenzione della corruzione: rotazione dei dipendenti comunali dei settori a rischio

Applicato il piano che prevede la rotazione ordinaria del personale adibito alle attività a rischio

 In applicazione al Piano triennale di Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza approvato alla fine del mese di marzo scorso, il Segretario Generale del Comune di Rimini Luca Uguccioni ha inviato una circolare a tutti gli uffici affinché si proceda a dar corso ad una particolare misura di prevenzione della corruzione. Come è noto, infatti, tra le misure individuate dal Legislatore per prevenire i fenomeni corruttivi riveste particolare rilievo la misura della rotazione ordinaria del personale adibito alle attività a rischio. In applicazione di tali disposizioni normative il Piano triennale per la prevenzione della corruzione prevede che periodicamente (con periodicità inversamente proporzionale al livello di inquadramento del personale) si proceda a trasferire ad altri incarichi i dipendenti che svolgono attività lavorativa su attività a rischio corruttivo (affidamento dei contratti, erogazione di sovvenzioni e benefici economici, attività di pianificazione urbanistica e di gestione dei procedimenti edilizi, ecc.). 

Con la circolare il Segretario generale, che riveste anche il ruolo di Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, ha quindi dato esecuzione ad una misura che costituisce una novità del Piano triennale 2021-2023. Infatti, con l'ultimo aggiornamento del Piano, l'Amministrazione ha previsto che anche negli uffici in cui nel tempo si siano verificati avvicendamenti di personale dirigenziale o titolare di posizione organizzativa e per i quali dunque le esigenze di rotazione sono già state soddisfatte, si dovrà procedere alla rotazione del personale di categoria C e D, quando questo abbia raggiunto o superato il periodo di permanenza di 20 anni presso gli uffici che svolgono attività a rischio corruzione.  Quella oggetto della circolare del Segretario generale dell'Ente è dunque una misura di rotazione ordinaria del personale ulteriore ed aggiuntiva rispetto a quelle che sono state adottate e realizzate con i Piani anticorruzione degli anni precedenti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento