menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ragazzini a zonzo ubriachi, prima molestano i passati e poi aggrediscono gli agenti

Parapiglia nella zona del Mercato coperto di Rimini, il personale della polizia di Stato a stento riesce a contenere gli esagitati

Un gruppo di tre ragazzini nordafricani, di 17, 18 e 20 anni, ha dato non poco filo da torcere agli agenti della polizia di Stato nel pomeriggio di martedì. Intorno alle 17 numerosi passanti, che si trovavano nei pressi del Mercato coperto di Rimini, si sono trovati davanti il trio che in preda ai fumi dell'alcol infastidiva chiunque gli si trovasse a tiro. In quel momento, lungo la strada, è passata una Volante e il personale della Questura si è fermato per identificare i giovani che tra le altre cose non indossavano i dispositivi di protezione anti-covid. Quando gli agenti hanno chiesto i documenti, i tre si sono scatenati iniziando ad inveire contro le divise dichiarando di non avere le carte d'identità e rifiutandosi di fornire le proprie generalità. Durante il controllo uno dei giovani, dopo aver spintonato il personale della polizia di Stato, ha tentato la fuga ma è stato bloccato. Vistosi oramai nella rete dei poliziotti, lo straniero ha iniziato a sferrare calci e pugni, spintonando e sgomitando prima contro i poliziotti, colpendoli agli arti, per poi sferrare testate e calci alla Volante. Nel frattempo anche il secondo maggiorenne ha iniziato ad agitarsi con spintoni e spallate. Non senza fatica entrambi sono stati immobilizzato e, insieme al minorenne, portati in Questura.

Anche negli uffici di corso d'Augusto le condotte dei due maggiorenni non sono migliorate con i nordafricani che hanno preso a calci tutto quello che gli si aprava davanti. Identificati, è emerso che si trattava di tre tunisini coi due maggiorenni che oltre ad essere vecchie conoscenze delle forze dell'ordine erano anche clandestini in Italia. Al termine degli accertamenti di rito, il 18enne e il 20enne sono stati arrestati per resistenza a pubblico ufficiale e daneggiamento aggravato mentre, il 17enne, è stato denunciato a piede libero e affidato ai servizi sociali. Tutti e tre, comunque, sono stati sanzionati per inosservanza delle normative anti-covid.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento