menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il lato positivo del traffico: dopo la rapina rimangono imbottigliati tra le auto

Dopo aver assaltato la filiale del Monte dei Paschi di Siena in via Parmense sono rimasti imbottigliati nel traffico. Un commando di quattro persone è stato arrestato mercoledì mattina dai Carabinieri

Dopo aver assaltato la filiale del Monte dei Paschi di Siena in via Parmense sono rimasti imbottigliati nel traffico. Un commando di quattro persone è stato arrestato mercoledì mattina dai Carabinieri. L'episodio si è consumato poco dopo le 9.20. La banda, tutti originari di Catania (due 21enni, un 23enne ed un 33enne), si è presentata all'istituto di credito con il viso scoperto ed armati di cutter. Tre gli autori materiali del colpo, mentre il quarto elemento è rimasto a bordo di una "Mercedes classe A" pronto a fuggire.

I banditi hanno prima rinchiuso in un salottino il direttore e due impiegati, poi hanno minacciato i due commessi, bloccandoli da una parte insieme ai cinque clienti che in quel momento erano in fila agli sportelli. Dopo aver ripulito le casse, hanno atteso l'apertura a tempo della cassaforte mettendo il denaro in una borsa che la banca stessa usa per il trasferimento dei titoli. Circa 60mila euro il bottino. Tutto è accaduto in circa un quarto d'ora.

Un'azione da commando finita male per i banditi. I rapinatori infatti hanno commesso un errore fatale sulla scelta della via di fuga. I quattro a bordo della Mercedes si sono diretti verso il centro, dove all'altezza di Porta Romana, in via Bastioni Occidentali, l'auto é stata circondata da sei gazzelle dei carabinieri, favoriti anche dal notevole traffico. Uno dei rapinatori di 21 anni ha tentato la fuga a piedi, ha aperto violentemente la portiera proprio mentre arrivava un carabiniere, mandando in frantumi il vetro.

Il boato ha generato panico nei passanti, che hanno creduto ad un colpo di arma da fuoco.  Nessuno ha sparato e nessuno è rimasto ferito, solo il carabiniere colpito dallo sportello dell'auto ha riportato lievi escoriazioni ad una mano. I quattro catanesi sono stati portati in caserma, per essere poi trasferiti in carcere in attesa della convalida.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento