Rapinatori "in erba", lei minorenne e lui diciottenne, aggrediscono un giovane e finiscono arrestati

Continuano i servizi di prevenzione e contrasto al crimine principalmente la zona del lungomare di Rimini, in particolare l'arenile luogo di maggior concentrazione di giovani, soprattutto turisti

Foto di repertorio

Continuano i servizi di prevenzione e contrasto al crimine  principalmente la zona del lungomare di Rimini, in particolare l’arenile luogo di maggior concentrazione di giovani, soprattutto turisti, facili obiettivi di malintenzionati. I servizi, iniziatifin dopo il tramonto disabato, si sono articolati per tutta la notte con l’impiego di unità cinofile antidroga, di un fuoristrada utilizzato per il pattugliamento dell’arenile e di equipaggi dei Reparti di Prevenzione Crimine, concentrando l’attività principalmente nella zona di Marina Centro.

Nel corso del servizio, presso un locale sulla spiaggia,  sono state tratti in arresto due giovani, un bergamasco di 18 anni e una cittadina rumena minorenne residente a Milano, che in concorso tra loro si erano resi responsabili di una rapina ai danni di giovane cliente. Il ragazzo, con la scusa di chiedere una sigaretta, si è avvicinata alla vittima che con uno spintone è stata fatta cadere. La ragazza, posizionata nelle vicinanze, prontamente ha sottratto lo zainetto del malcapitato dandosi alla fuga. L’intento di rincorrere la ladra è stato impedito dal complice che fisicamente lo ha trattenuto bloccandolo per le braccia, per poi sparire anche lui nelle ombre della notte. I due sono stati notati e bloccati dagli operatori di Polizia.

Dopo un primo tentativo di eludere il controllo fingendo di non comprendere, il ragazzo si è scagliato contro gli operatori di polizia con il tentativo di guadagnare la fuga. Da un primo controllo i giovani sono stati  trovati in possesso dello zaino sottratto poco prima con all’interno tutti gli oggetti custoditi (telefonini, occhiali, felpe, portafogli e documenti). Inoltre, celati nelle tasche della bermuda del ragazzo, sono stati rinvenuti due involucri di sostanze stupefacenti (1 hashish e 1 cocaina) mentre nascosto nello slip veniva trovato un portafoglio contenente soldi e documenti intestati ad un cittadino tedesco, sicuro provento di un altro furto. 
Sono in corso accertamenti per risalire al legittimo proprietario ed attribuire le responsabili all’arrestato. Accompagnati in Ufficio, la ragazza è stata tratta in arresto per il reato di rapina pluriaggravata in concorso e su disposizione del Tribunale dei Minorenni di Bologna, veniva accompagnata presso il centro di Prima Accoglienza di Bologna, mentre il ragazzo per i reati di rapina pluriaggravata in concorso, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a è finito in carcere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante il servizio, terminato alle prime ore dell’alba odierne, sono state identificate complessivamente 63 persone, di cui 29 cittadini stranieri,  controllate 26 autovetture e una persona segnalata alla Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti. Inoltre, tra il bagno 1 e il bagno 2 sono stati rinvenuti nove grammi di sostanze stupefacenti, suddivisi in dosi, abbandonate  evidentemente dai detentori per il timore di essere controlli alla vista degli operatori di Polizia e dei cani antidroga.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento