menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapine estive in Riviera: gli autori sono dieci ragazzi, fra loro anche dei minorenni

Diversi i colpi messi a segno dalla baby gang che fra luglio e agosto ha terrorizzato, aggredito e rapinato turisti e coetanei

Un colpo dietro l'altro messo a segno nei mesi estivi da un gruppo di ragazzi. Una vera e propria baby gang che ha impegnato i carabinieri, ma dopo lunghe ricerche i militari hanno chiuse le indagini con dieci denunce per rapina. I carabinieri di Riccione hanno dovuto affrontare i reati commessi da gruppi di ragazzini che tra luglio e agosto hanno terrorizzato alcuni coetanei, la maggior parte turisti, per le vie del centro della Perla Verde. Aggressioni, anche con il coltello, minacce e rapine di soldi, cellulari, abiti e accessori firmati. In particolare, lo scorso 5 luglio, in tarda serata, un giovane turista modenese era stato avvicinato da alcuni giovani mentre si trovava in spiaggia davanti a piazzale Roma e poi minacciato con un coltello e costretto a consegnare cento euro che aveva nel protafogli.

Grazie alla denuncia che il giovane aveva presentato la mattina successiva i carabinieri avevano concentrato la loro attenzione sulle immagini delle telecamere di videosorveglianza installate lungo le vie del centro. Ore e ore di filmati visionati e analizzati nel dettaglio hanno permesso di individuare i responsabili e ricostruire gli spostamenti compiuti da alcuni componenti del gruppo anche nei giorni precedenti. E così che gli investigatori hanno scoperto altre rapine e aggressioni non denunciate dalle vittime per paura di ulteriori ritorsioni. Almeno due gli episodi ricostruiti e relativi alla rapina di una catenina e di una felpa. I carabinieri hanno poi scoperto che componenti della baby gang si davano appuntamento a Riccione, dove alloggiavano in residence e alla sera aggredivano e derubavano. Messi a segno i vari colpi si salutavano e poi rientravano ognuno nelle loro città, facendo perdere le tracce velocemente.

Tra i dieci denunciati, oltre a quattro minorenni, due del Bolognese e due del Milanese, ci sono un 21enne egiziano, già noto alle forze dell'ordine e residente a Bologna, un 19enne di origine marocchina, già noto alle forze dell'ordine e residente in Puglia, e quattro 18enni, tre dei quali di Varese (anche loro già noti alle forze dell'ordine) e un ragazzo di Bologna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento