Retata anti prostituzione: 15 clienti beccati dai carabinieri insieme alle lucciole

Militari dell'Arma in azione lungo le strade riminesi del sesso a pagamento. Portate in caserma e identificate 30 prostitute di nazionalità romena, bulgara e ungherese, sorprese prevalentemente lungo la Ss 16 e nella zona del lungomare di Miramare

Ennesima retata dei carabinieri sulle strade riminesi del sesso a pagamento che, nella notte tra giovedì e venerdì, ha visto finire in caserma per essere identificate 30 lucciole di nazionalità romena, bulgara e ungherese, sorprese prevalentemente lungo la Ss 16 e nella zona del lungomare di Miramare. Nel corso dei controlli sono stati identificati anche 15 clienti, pizzicati mentre contrattavano con le prostitute, e al termine degli accertamenti e delle operazioni di foto segnalamento, sono state denunciate 5 lucciole per l’inosservanza del foglio di via obbligatorio emesso dalla Questura di Rimini e ben 10 donne sono state proposte per l’emissione della misura di prevenzione.

n

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento