menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riccione, tempo di restauro per le biciclette di noleggio gratuito

Rimangono però regolarmente in attività le quattro biciclette in dotazione alla stazione ferroviaria, che anche in inverno vengono regolarmente utilizzate da alcuni lavoratori pendolari

E’ tempo di manutenzione e rimessaggio per le biciclette di noleggio gratuito del sistema “bike-sharing”. Sono state rimosse nei giorni scorsi e trasferite nei magazzini comunale 32 delle 36 biciclette che costituiscono il parco-bici  che l’Amministrazione comunale mette a disposizione gratuita dei turisti e dei cittadini. Le biciclette trascorreranno i mesi invernali all’asciutto, e verranno risistemate e riparate a puntino, in attesa, appunto, della primavera.

Rimangono però regolarmente in attività le quattro biciclette in dotazione alla stazione ferroviaria, che anche in inverno vengono regolarmente utilizzate da alcuni lavoratori pendolari che ogni mattina scendo dal treno e raggiungono in bici il luogo di lavoro. Tra questi, ci sono insegnanti, funzionari dei servizi pubblici e impiegati in imprese cittadine. Anche questa è una dimostrazione che il servizio di bike-sharing ha fatto presa tra gli utenti, e può rappresentare una valida alternativa all’automobile negli spostamenti in città. Lo confermano i dati raccolti dai responsabili del servizio, grazie alle centraline elettroniche montate su ogni ciclo.

Quest’anno, dai primi di marzo al 30 novembre i prelievi sono stati ben 11.200, contro i 10.790 del corrispondente periodo del 2011. Le ore di prelievo sono passate da 26504 del 2011 a 26800 di quest’anno. Le postazioni più utilizzate rimangono quelle del Palazzo del Turismo, le due sul Lungomare, quelle in piazzale Roma e davanti al parcheggio del Grand Hotel, a seguire quelle di piazzale San Martino e Giardini Alba. Sempre molto utilizzate le quattro biciclette in sosta alla Stazione ferroviaria. Più defilate invece, ma utili in giorni di mercato, gli stalli all’Arboreto Cicchetti e in piazza Matteotti, in paese. Le biciclette attualmente a disposizione sono 36. Di queste, le ultime quattro sono state acquistate nel 2011 grazie al contributo di sponsorizzazione dell’Autodromo Santa Monica.   

Come si fa a prendere in uso una bicicletta pubblica? La chiavetta si ritira all'Ufficio Iat Informazioni turistiche al Palazzo del Turismo, dietro deposito di 20 euro. L'utente lascia i suoi dati anagrafici (e fotocopia del documento d'identità) e riceve un decalogo di poche regole su come utilizzare la bici. Che non può essere tenuta per più di cinque ore consecutive, non deve uscire dal territorio del Comune, deve essere riposta nello stesso stallo numerato da cui è stata prelevata, e deve rimanere al suo posto dalle ore 24 alle 6 del mattino.

La chiavetta può anche essere tenuta a tempo indeterminato e restituita solo quando si desidera riavere i venti euro di cauzione. Questo perchè la stessa chiavetta può servire per prelevare una bici dello stesso sistema in un'altra città (sono alcune centinaia le città italiane che hanno in uso lo stesso sistema, da Aosta a Santa Maria di Leuca).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Simbolo di Rimini, storia e curiosità del grattacielo

Ristrutturare

Decoupage, trasforma gli oggetti in piccole opere d'arte

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento