Catturava i gatti con le tagliole e li eviscerava, a processo lo zio della padrona

Una crudeltà estrema nei confronti delle povere bestiole di proprietà di una signora costretta sulla sedia a rotelle

Una crudeltà estrema, fatta di sevizie e uccisioni a sangue freddo, che vede un 76enne accusato della morte orribile di un gatto e del grave ferimento di un labrador. La vicenda risale al 2015 quando, nell'entroterra riccionese, una 60enne invalida e con la passione per gli animali da parecchio tempo si vedeva letteralmente sparire i propri gattini. L'abitazione della signora, che si trova in aperta campagna, era contigua con quella del proprio zio il quale, non gradendo la presenza degli animali, aveva minacciato la donna di farglieli sparire. Minacce che, in un'occasione, erano state fatte anche in presenza di alcune amiche che erano andate a trovare la 60enne costretta sulla sedia a rotelle. Pochi giorni dopo il labrador di proprietà della figlia della padrona di casa era incappato in una tagliola e, il povero quattrozampe, era rimasto ferito seriamente mentre l'ennesimo micio della signora era sparito per riapparire, pochi giorni dopo, privo di vita ed eviscerato nel giardino dell'abitazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto erano intervenuti i carabinieri e i poveri resti del gatto analizzati dal veterinario che, oltre a certificare il decesso per la profonda ferita alla pancia, aveva dichiarato che la bestiola era stata catturata con una tagliola. Anche alla luce delle minacce fatte in passato dal 76enne, le indagini degli inquirenti si erano subito concentrate sull'uomo, fratello del padre della 60enne e vicino di casa della donna, tanto che in un capanno di sua prorpietà era stato trovato un altro gatto di proprietà della nipote. L'anziano è quindi finito a processo per uccisione di animali, rischiando la reclusione da quattro mesi a due anni, mentre la padrona delle bestiole si è costituita parte civile con l'avvocatessa Maria Luisa Trippitelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento