Fatture false per lavare la biancheria, rinviati a giudizio 12 albergatori riminesi

I 'lavaggi in nero' permettevano ai titolari delle strutture ricettive di aumentare i costi abbattendo i ricavi delle società

Sono stati rinviati a giudizio dal Gip del Tribunale di Rimini 12 albergatori riminesi accusati di aver messo in piedi, con la complicità di una fantomatica lavanderia, un falso giro di fatturazioni. L'escamotage avrebbe permesso di evadere svariati milioni di Iva grazie a dei 'lavaggi in nero' che, attraverso le false fatture prodotte, permettevano ai titolari delle strutture ricettive di aumentare i costi e, allo stesso tempo, abbattere i ricavi delle società. A scoprire tutto era stata la Guardia di Finanza che, nel 2012, aveva avviato un'inchiesta scoprendo la 'cartiera' che produceva le fatture per operazioni inesistenti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento