menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dà alla luce due gemelli ma non sopravvive al parto

Non è sopravvissuta al parto di due gemelli, che i medici sono riusciti a salvare (un maschio ed una femmina). E la triste storia di una 36enne residente a Scavolino (Pennabilli).

Non è sopravvissuta al parto di due gemelli, che i medici sono riusciti a salvare (un maschio ed una femmina). E la triste storia di una 36enne residente a Scavolino (Pennabilli). Probabilmente all'origine del decesso c'è un'embolia polmonare. La donna era arrivata all'ospedale nella nottata di martedì, dopo aver avvertito i primi dolori. Ad accompagnarla il marito, il quale ha dato l'allarme al 118 dopo che la moglie non riusciva a respirare.

A bordo dell'ambulanza sono partite le manovre per migliorare la respirazione della donna. Il personale medico ed infermieristico dell'ambulanza ha constatato che le condizioni della donna erano molto gravi, somministrandole le prime terapie del caso e contestualmente.  All'arrivo all'ospedale, la paziente è stata presa in carico da un'equipe ad hoc composta da anestesista, ginecologo e ostetrica, che ha trasferito la donna in Rianimazione.

I medici, nonostante le condizioni disperate della paziente, si sono impegnati per cercare di salvare sia la sua vita sia quella dei due nascituri. E questi ultimi - venuti alla luce lievemente pretermine e trasferiti in “Terapia Intensiva Neonatale” - sono in buone condizioni. Per la madre purtroppo, nonostante i medici si siano prodigati, non c'è stato nulla da fare. La Direzione Medica dell'Ospedale ha deciso, come di prassi in queste situazioni, di effettuare un riscontro autoptico per accertare le motivazioni del decesso.

Il dottor Giuseppe Battagliarin, direttore dell'Unità Operativa di “Ostetricia Ginecologia” dell'Ospedale “Infermi” di Rimini, ha spiegato che "le condizioni della signora erano disperate, e solo la grande organizzazione che si è riuscita a mettere in campo, lo stretto raccordo tra medici di diverse discipline e il personale dell'ambulanza, hanno consentito di condurre un intervento tempestivo salvando i due neonati. In situazioni come questa infatti, se non si interviene in pochissimi minuti le possibilità di perdere sia la madre che i nascituri sono altissime”.

Nelle stesse ore, sempre all'Ospedale di Rimini, si è verificato un altro evento anch'esso raro e non prevedibile. Nel corso di un parto in una paziente a termine, il nascituro è venuto alla luce privo di vita. Anche in questo caso la Direzione Medica ha deciso di effettuare un riscontro autoptico per individuare le cause del decesso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento