Cronaca

Scoperta dalla polizia di Stato una "agenzia di viaggi" per i clandestini

Provenienti dai Paese dell'est, utilizzavano l'aeroporto di Rimini per entrare nella Comunità Europea e poi far perdere le loro tracce

Il personale della polizia di Stato della Questura di Rimini, e in particolare la polizia di Frontiera,  ha arrestato tre persone ritenute responsabili dei reati di associazione per delinquere e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e ne ha denunciate in stato di libertà 14 per le quali sono state avviate rogatorie internazionali. L'operazione è avvenuta grazie anche all'interessamento delle altre agenzie europee, come Europol/Eurojust, che hanno eseguito una serie di indagini in Russia, Germania, Francia, Austria, Norvegia e Belgio.

Le indagini, condotte dalla Polizia di frontiera erano iniziate alla fine del 2012, hanno permesso di smantellare un'organizzazione internazionale dedita all'immigrazione clandestina di caucasici da immettere nel territorio europeo. Si è constatato che alcuni nuclei familiari, composti anche da diversi minorenni provenienti in prevalenza dalla Cecenia, Daghestan, Ossezia e Inguscezia, dopo essere entrati in Italia con visti turistici all'aeroporto di Rimini facevano perdere le loro tracce e non si presentavano all'imbarco per l'aereo di ritorno in Russia diventando, di fatto, clandestini.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti i clandestini, dopo aver distrutto i documenti e cambiato le generalità, ricevevano una prima accoglienza presso alberghi della riviera in attesa che l'organizzazione criminale consentiva loro di raggiungere il Belgio, i Paesi Baschi, la Germania, l'Austria, la Norvegia, la Svezia e la Francia dove richiedevano lo status di rifugiato politico. Nell'indagine sono state coinvolte anche le le Polizie di questi Paesi.

L'organizzazione criminale agiva come una vera e propria "travel agency". Dalle intercettazioni è emerso infatti che i membri della banda chiedevano ai clandestini di affrettarsi a contattarli per poter abbassare il prezzo dei biglietti per i viaggi verso gli altri Paesi. Gli stranieri, intenzionati a stabilirsi in Europa illegalmente pagavano circa 1500 euro a persona. Una volta giunti a Rimini si affidavano ad un appartenente del gruppo criminale che si occupava della sistemazione temporanea ed al successivo trasferimento nei Paesi desiderati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperta dalla polizia di Stato una "agenzia di viaggi" per i clandestini

RiminiToday è in caricamento