Spostamento del mercato, consiglio comunale 'balneare' per la minoranza

In un'aula blindata dalle forze dell'ordine, gli ambulanti fanno partire le proteste contro il sindaco Andrea Gnassi

Un consiglio comunale blindato quello convocato nel pomeriggio di domenica per votare lo spostamento del mercato ambulante di Rimini. Mentre polizia di Stato e Municipale e carabinieri hanno presidiato gli accessi, per evitare le intemperanze degli abulanti accorsi in forze per protestare contro lo spostamento, la minoranza ha messo in atto una pittoresca protesta presentandosi vestiti da spiaggia e muniti di maschere, secchiello, tavole da surf, remi e salvagente. Una provocazione per manifestare contro una convocazione ritenuta "illegittima - dice Giuliana Moretti vice presidente del consiglio - perchè convocata d'urgenza senza il rispetto dei requisiti dell'urgenza", in una domenica d'estate. All'origine della convocazione, sabato e domenica, lo spostamento del mercato settimanale dalle centrali piazze Cavour e Malatesta per un luogo più decentrato. "Il sindaco vuole fare presto - dice la Moretti - ma l'urgenza è un'altra cosa abbiamo lasciato l'aula per protesta perchè presenteremo al Tar un ricorso di legittimità". Scintille durante gli interventi dei consiglieri di maggioranza e pesanti fischi e insulti dal pubblico degli ambulanti quando il primo cittadino, Andrea Gnassi, ha preso la parola.

In serata il Consiglio Comunale ha approvato questa sera con 16 voti favorevoli, 1 astenuto e 6 contrari la delibera che individua le nuove aree nel centro storico destinate ad ospitare il mercato ambulante del mercoledì e sabato.  La ricollocazione del mercato ambulante si inserisce nell'articolata serie di progetti e iniziative  che l'Amministrazione comunale ha pianificato e messo in atto per riqualificare e promuovere il centro storico come area d’eccellenza, in grado di fungere da catalizzatore di relazioni, di cultura, di valorizzazione del patrimonio storico e artistico, dei commerci. La nuova area mercatale - che è stata ulteriormente definita attraverso un emendamento della Giunta approvato con 16 voti favorevoli, 1 astenuto e 7 contrari - comprende Corso d'augusto fino piazza Tre martiri, via IV novembre, via Dante, via Castlefidardo, i piazzali Gramsci e Santa Rita, l’area ex Padane. L'utilizzo di Piazza Tre Martiri, che resterà a libero uso per otto settimane all'anno, sarà limitato a sedici banchi, che dovranno essere allestiti (materiali e colori della struttura e del tendaggio) in accordo con l'apposito "Abaco degli arredi del centro storico". 

"L'approvazione di questo progetto che ridefinisce e valorizza le aree mercatali al'interno del centro storico rappresenta un momento importante per Rimini - sottolinea il sindaco Andrea Gnassi - e arriva al termine di un confronto articolato con la città che va avanti da tre anni. La  ricollocazione del mercato è un pezzo fondamentale di un disegno di città che vede un centro storico riqualificato, maggiormente attrattivo grazie al recupero del patrimonio artistico e culturale (Teatro Galli, Piazza Malatesta, anello delle nuove piazze) e alla creazione di quello che sarà un vero e proprio 'centro commerciale naturale' di pregio". 

Sulla questione, il responsabile di Forza Italia di Rimini, Giuglio Mignani ha sottolineato come "quello tenutosi domenica 12, non fosse per la sede, difficilmente ad uno spettatore ignaro avrebbe potuto ricordare un Consiglio Comunale.
Non per la protesta della Minoranza vestita in abiti da spiaggia, ma per lo sfoggio di arroganza da parte del PD che ha interpretato questo appuntamento come un semplice fastidio. Il Consiglio è per l'Amministrazione riminese un pro-forma, una mera ratifica di decisioni già prese. La Minoranza ha giustamente protestato per una convocazione d'urgenza, senza che una reale urgenza ci fosse: non vi erano infatti disposizioni normative improrogabili che impedissero la convocazione in altra data. Il Sindaco si è giustificato dicendo che era necessario "dare continuità agli atti amministrativi", dimostrando quello che abbiamo già detto: il Consiglio c'è solo perchè è obbligatorio, è un passaggio formale nel quale nessuno della maggioranza ha intenzione di discutere del merito dei problemi, ma una semplice pratica da sbrigare".

"Singolare - prosegue Mignani - è infatti il richiamo di Gnassi alla Medaglia d'oro al valore civile, di cui si fregia la Città di Rimini: citata per sottolineare come il pluralismo faccia parte del DNA della Città e dell'Amministrazione. Risposta del pubblico? Un coro di fischi, lo stesso che ha travolto Gnassi quando ha osato pronunciare la parola "arroganza".
Evidentemente la Gente è stanca di sentire certe prediche provenire dai soliti pulpiti. Gnassi, indipendentemente dalle promesse elettorali, ha agito d'imperio, spostando di forza le 430 aziende (perchè tali sono) che partecipano al mercato di Rimini.  1000 persone che vedranno i loro sforzi perdere valore. 430 famiglie che dovranno, con il loro lavoro, non con quello del Sindaco, faticare per ricostruire la loro Clientela. A loro si aggiunge il terremoto commerciale che dovranno subire gli esercenti di p.zza Tre Martiri, colpiti dalla presenza di un mercato fuori contesto e senza la tradizione secolare di quello di p.zza Malatesta".

"Forza Italia - conclude il responsabile di Rimini - è contraria non una, ma due volte, a questa imposizione.
Siamo contrari nel merito, perchè non crediamo che si possa riqualificare un centro storico, semplicemente spostando gli operatori per fare spazio al monumento pre-elettorale del Sindaco. E siamo anche contrari nel metodo: una volta ancora il PD si dimostra irrispettoso delle minoranze, dei Cittadini (ai quali poi chiederà il voto), degli operatori e delle regole della Democrazia. Non ne avevamo certo bisogno, ma da oggi abbiamo due motivi in più per dirci lontani da questa Amministrazione e ribadire con ancora più forza il nostro ruolo di opposizione che non mancheremo di dimostrare in tutte le sedi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento