menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Topi d'appartamento scatenati, trovano la cassaforte e ritornano a finire il lavoro

Il furto ai danni di un professionista riminese che per ben due volte in pochi giorni si è ritrovato i malviventi in casa

Ladri senza paura quelli che, nei giorni scorsi, hanno preso di mira l'appartamento della madre di un professionista riminese. L'inizio della storia risale a prima di Natale quando, i malviventi, hanno messo a segno un primo furto nell'abitazione di viale Tripoli che si trova al primo piano dello stabile che ospita anche lo studio del professionista. Tutta la casa è stata messa a soqquadro in cerca di preziosi e oggetti di valore da rubare e, nella loro furia, i ladri sono riusciti a scoprire dove si trovava la cassaforte nascosta da un quadro. Qualcosa, però, deve essere andato storto e non sono riusciti ad aprire il forziere decidendo così di scappare. Sul posto, in quella occasione, era intervenuta la polizia di Stato per i rilievi di rito e, vista la situazione, gli agenti avevano consigliato alla padrona di casa di portare via tutte le cose di valore dalla cassaforte e di lasciarla aperta. I malviventi, infatti, avendola scoperta sarebbero potuti tornare e finire il lavoro.

Mai frase fu più profetica e, lo scorso 21 gennaio verso le 18, i ladri si sono puntualmente rifatti vivi. Approfittando dell'assenza della padrona di casa, si sono arrampicati sulla grondaia e, una volta raggiunto il primo piano, introdotti nell'appartamento armati di piccone. Nel pieno del pomeriggio, quanti si trovavano nello studio professionale al piano sottostante sono letteralmente sobbalzati sulle loro scrivanie al rimbombo dei colpi di piccone contro al muro e hanno dato l'allarme. Anche questa volta, il pronto intervento delle forze dell'ordine ha messo in fuga i malviventi che sono scappati lasciandosi alle spalle il muro danneggiato.

"Al di là dei danni - racconta un parente della padrona di casa - viviamo costantemente nella paura e non ci sentiamo sicuri nemmeno a casa nostra. I furti sono in aumento e, a livello psicologico, è uno stress continuo. Ritrovarsi con la propria abitazione vìolata, messa a soqquadro dai malviventi che frugano tra i mobili, e che si appropriano di oggetti che in molti casi hanno più valore affettivo che reale è una esperienza che non si augura a nessuno".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Alla scoperta dei luoghi della fede: il viaggio è anche online

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento