Strappa l'arma dalla fondina di un agente e si spara diritta al cuore

Dramma famigliare nella Repubblica di San Marino, il compagno si toglie la vita e lei lo imita

Foto archivio

Un vero e proprio dramma famigliare quello che, nella giornata di venerdì, si è consumato nella Repubblica di San Marino e che ha visto perdere la vita un sammarinese e una italiana originaria della Liguria e residente a San Leo in Valmarecchia. Tutto è iniziato nella mattinata quando l'uomo, un falegname 60enne, ha deciso di togliersi la vita impiccandosi nel capannone della sua ditta di Domagnano. Quando la compagna, una 48enne titolare di un negozio nella Repubblica del Titano, ha raggiunto la sede della ditta ha fatto la macabrascoperta. La donna, disperata, ha cercato di liberare il compagno dal cappio ma, oramai, per lui non c'era più nulla da fare e ha dato l'allarme. Il primo ad accorrere sul posto, pare un vicino, è stato attirato dalle urla dellla 48enne. Nel capannone sono arrivate le forze dell'ordine e i mezzi di soccorso ma, i sanitari, non hanno potuto far altro che accertarne il decesso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' stato a questo punto che la donna, in evidente stato di agitazione, ha approfittato di un momento di distrazione di una Guardia di Rocca, un giovane da poco aruolato, strappandogli dalla fondina la pistola d'ordinanza che, secondo quanto emerso, aveva già il colpo in canna. La signora ha quindi rivolto l'arma verso di sè e si è sparata un colpo al torace all'altezza del cuore. Secondo la ricostruzione della Gendarmeria, la 48enne è stata soccorsa dai sanitari, già sul posto per accertare il decesso del compagno, i quali l'hanno trasportata d'urgenza all'Ospedale di Stato dove, i medici, ne hanno dichiarato la morte. Sul luogo della tragedia, per il sopralluogo, è intervenuto il Commissario della Legge di turno (l'equivalente del pubblico ministero in Italia), Simon Luca Morsiani che dovrà verificare come siano andate le cose e se la pistola del militare avesse o meno la sicura. Secondo un testimone, tra la donna e la guardia vi sarebbe stata una breve colluttazione alla fine della quale lei avrebbe avuto la meglio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento