rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca

Scambia i carabinieri per clienti e offre ai militari dell'Arma dosi di marijuana

Il clamoroso errore è costato le manette al pusher del parco "Cervi" che, questa volta, è finito in carcere

Questa volta è stato condannato a 2 anni di reclusione, che sconterà in carcere, il 24enne nigeriano oramai storico pusher del parco "Cervi" che, però, ha commesso un clamoroso errore. Nella tarda serata di lunedì, infatti, lo spacciatore non si è reso conto che quei ragazzi che si trovavano nell'area verde a ridosso dell'arco d'Augusto erano, in realtà, dei carabinieri in borghese in servizio antidroga. Il 24enne, quindi, li ha avvicinati per decantare la qualità della sua merce offrendo loro della marijuana. Appena tirata fuori la busta contenente 6 grammi di erba, contemporaneamente i militari dell'Arma hanno estratto le manette per arrestarlo. E' stato a questo punto che, vedondosi finire nella rete per l'ennesima volta, il nigeriano ha dato in escandescenza aggredendo i carabinieri nel tentativo di scappare. Ne è nata una collutazione, con uno dei militari rimasto lievemente ferito, che alla fine ha visto lo straniero avere la peggio.

Immobilizzato e ammanettato, mentre il carbinieri è stato costretto a farsi refertare al pronto soccorso, i colleghi hanno portato il 24enne in caserma con le accuse di spaccio di stupefacenti, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Perquisito, lo straniero è stato trovato anche in possesso di 275 euro ritenuti il provento delle precedenti cessioni. Dopo una notte in camera di sicurezza, il nigeriano è stato processato per direttissima e il giudice, dopo aver convalidato il fermo, lo ha condannato a 2 anni di reclusione da scontare nel carcere riminese dei "Casetti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scambia i carabinieri per clienti e offre ai militari dell'Arma dosi di marijuana

RiminiToday è in caricamento