Scorribanda con l'auto col lampeggiante, nei guai il figlio dell'onorevole

Pizzicato dai carabinieri durante una serie di manovre vietate è finito a processo per l'utilizzo improprio degli strumenti in dotazione alle forze dell'ordine

E' finito a processo, per l'utilizzo improprio degli strumenti in dotazione alle forze dell'ordine, il figlio 49enne di un deputato pizzicato dai carabinieri di Riccione mettre effettuava una serie di manovre azzardate con la propria auto dotata di lampeggiante. La vicenda risale al gennaio del 2016 quando, durante un appostamento, una pattuglia dei carabinieri della Perla Verde si era imbattuta in una potente Audi che, in viale Dante, procedeva contromano. I militari dell'Arma avevano subito notato che il mezzo era dotato di lampeggiante e, secondo quanto emerso in aula, si erano subito preoccupati di capire se in città c'era qualche personaggio con la propria scorta.

Mentre dalla centrale arrivava l'esito negativo, una seconda pattuglia del Radiomobile si era imbattuta nello stesso veicolo che stava commettendo delle infrazioni al Codice della Strada e hanno intimato l'alt. Nell'abitacolo hanno così identificato il figlio dell'onorevole, insieme ad altri due amici, e il lampeggiante incriminato. Dagli accetamenti sarebbe emerso che l'Audi, intestata a una società e riconducibile al deputato, era in uso al 49enne finito denunciato per l'utilizzo del dispositivo. Nella mattinata di giovedì, davanti al giudice monocratico del Tribunale di Rimini, hanno testimoniato i carabinieri che hanno eseguito l'intervento per ricostruire la vicenda. Il processo è stato aggiornato al prossimo 25 settembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

Torna su
RiminiToday è in caricamento