"Siamo dell'Enel", fermati tre giovani sospetti

Tramite il competente ufficio immigrazione, è stato invitato a lasciare l'Italia. E’ molto probabile che gli stessi stessero cercando di entrare in qualche abitazione per truffarne i proprietari.

Probabilmente si spacciavano per dipendenti dell'Enel per entrare in qualche abitazione e truffare i proprietari. I Carabinieri di Riccione hanno controllato venerdì pomeriggio, su segnalazione al 112 di alcuni giovani sospetti che dichiaravano di essere dei dipendenti dell’Enel, tre giovani di nazionalità albanese. Gli uomini dell'Arma hanno effettuato un controllo approfondito sulla loro posizione in Italia, accertando, per uno di loro, la sua irregolare permanenza sul territorio nazionale.

Tramite il competente ufficio immigrazione, è stato invitato a lasciare l'Italia. E’ molto probabile che gli stessi stessero cercando di entrare in qualche abitazione per truffarne i proprietari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento