menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I sindacati: "Imu? Era meglio la tassa di soggiorno"

Prima della stagione turistica è stata tutta una corsa dei Comuni a garantire che non sarebbe stata imposta alcuna tassa di soggiorno. Ma c'è chi non è d'accordo

Prima della stagione turistica è stata tutta una corsa dei Comuni a garantire che non sarebbe stata imposta alcuna tassa di soggiorno. Ma c'è chi non è d'accordo e che avrebbe preferito tassare i turisti piuttosto che le case attraverso l'Imu.  I sindacati confederali bacchettano i Comuni riminesi sulla tassazione locale. I segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil, Graziano Urbinati, Massimo Fossati e Giuseppina Morolli, avevano chiesto l'introduzione dell'imposta di soggiorno per investimenti strategici per i Comuni.

 

Si puntava a calmierare l'Imu sulla prima casa e l'addizionale Irpef per sostenere il sistema di welfare locale. Nonostante un dibattito iniziale, la proposta non è stata accolta da nessun Comune della riviera, per l'anno 2012, "segno di poca lungimiranza e della distanza che separa la politica dai cittadini", commentano i sindacati. Che aggiungono: "Le scelte delle Amministrazioni hanno portato ad un pesante inasprimento fiscale. Ogni Amministrazione ha scelto una propria strada, senza riuscire a fare sistema ed a dialogare tra Enti dello stesso territorio, evidenziando anche una difficoltà a compiere scelte strategiche pluriennali sostituite da scelte tampone di breve respiro, non concordate né condivise con le Organizzazioni Sindacali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento