Souvenir di Rimini, turisti sorpresi a spaccare e rubare pezzi dell'Arco d'Augusto

Pizzicati dalla polizia Municipale mentre danneggiavano il monumento simbolo della città per asportarne i frammenti

La "disperata" ricerca di un souvenir particolare è costata cara a dei turisti croati che, nella mattinata di lunedì, sono stati fermati dagli agenti della polizia Municipale di Rimini. Gli stranieri, una 55enne e un 72enne, sono stati sorpresi mentre danneggiavano l'Arco d'Augusto e, dopo aver rotto dei frammenti del simbolo della città con dei sassi, li hanno infilato i reperti in due buste. Le loro manovre, tuttavia, non sono passate inosservate ed è scattato l'allarme che ha fatto intervenire una pattuglia della Municipale. All'arrivo degli agenti, le buste chesono state gettate con il loro contenuto (9 frammenti pietrosi di piccole dimensioni in una e due più consistenti  in un’altra) nei pressi del basamento e nel prato circostante l’area. Gli autori del gesto sono stati fermati dagli agenti e portati al comando per essere denunciati. Se ritenuti colpevoli, adesso rischiano fino a 1 anno di reclusione e una multa non inferiore a 2mila euro oltre alle spese per risistemare il monumento.

“Definire questa storia allucinante forse rende poco l’idea - è il commento dell’assessore alla Sicurezza del Comune di Rimini, Jamil Sadegholvaad. - Allucinante nelle modalità, in pieno giorno danneggiare un patrimonio storico e artistico dell’umanità; e paradossale anche il profilo dei responsabili del gesto, turisti con una età non indifferente alle spalle, e dunque difficile bollare questa cosa come ‘una ragazzata’. A dimostrazione che il vandalismo e la stupidità hanno poco a che fare con la carta d’identità e molto invece con l’ignoranza, la mancanza di qualsiasi rispetto verso i luoghi e le persone, e una dose robusta di impunità e faccia tosta che ora speriamo la giustizia tramuti in una pena esemplare. Voglio ringraziare infine gli agenti della Polizia Municipale in servizio di pattugliamento in centro che sono intervenuti, consentendo di individuare immediatamente i responsabili di questo episodio vomitevole”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento