rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Le stanze degli hotel ai raggi X, gli albergatori sapranno in tempo reale il trend delle prenotazioni

Gli alberghi condivideranno, in maniera anonima e nel rispetto della privacy, i loro dati per creare un risultato aggregato utile a tracciare un previsionale per i prossimi mesi e per creare uno storico

Parte a Rimini il progetto di raccolta dati della destinazione turistica grazie alla sinergia tra VisitRimini, Federalberghi, Promozione Alberghiera, Aia Palas e RivieraBanca, che da mesi si impegnano nel coinvolgimento e nella formazione degli operatori. Grazie alla piattaforma di data intelligence fornita dall’azienda digitale HBenchmark, gli alberghi condividono in maniera anonima e nel rispetto della privacy, i loro dati per creare un risultato aggregato che permette di tracciare un previsionale per i prossimi mesi e che andrà a determinare uno storico prezioso per orientarsi in un mercato in rapido cambiamento. Il progetto di raccolta dei dati della destinazione è uno strumento fondamentale per gli operatori, perché la consapevolezza derivante da questo patrimonio di informazioni è una leva fondamentale per orientare le decisioni strategiche e la conduzione quotidiana del business. Uno degli obiettivi più ambiziosi del progetto è infatti quello di alzare il livello di percezione qualitativa della destinazione Rimini.

"Fino a ieri siamo diventati grandi basando le nostre scelte strategiche sull’esperienza, sul sentiment e sulla capacità di saper interpretare prima degli altri i cambiamenti - dichiara Patrizia Rinaldis, presidente Federalberghi Rimini  -. Oggi ci rendiamo conto che il nostro lavoro diventa ogni giorno più complesso. Ci dicono che la carta vincente è l’analisi dei dati, noi ne generiamo una quantità enorme, ma vanno gestiti e tradotti in chiave di marketing come indicatori strategici necessari per orientare le nostre scelte, ed applicare i giusti prezzi".

Anche per Stefano Bonini, presidente di Visit Rimini “I dati rappresentano la nostra bussola. Disporne, poterli analizzare, saperli interpretare e gestire è fondamentale anche per le destinazioni per comprendere le dinamiche sempre più fluide del mercato turistico. Avere a disposizione dati affidabili può rappresentare senza dubbio un aiuto significativo nella definizione di strategie e tattiche promo-commerciali anche per una Dmc come Visit Rimini".

“Il futuro del settore dell’hospitality sempre di più si basa sull’analisi dei dati e sul confronto continuo tra hotel e destinazione - dichiara Antonio Carasso, presidente di Promozione Alberghiera -. Ci troviamo di fronte ad un anno che pone ancora gli albergatori di fronte a tante incertezze: lo slittamento delle grandi fiere di gennaio (Sigep, Beer Attraction ed Enada) a marzo, l’aumento dei costi dell’energia e del settore agroalimentare e l’incidenza della pandemia sulla scelta delle vacanze. Dobbiamo fare scelte relative a tariffe e strategie di marketing che non si basano su nessuno storico. Poter avere un confronto con gli altri hotel in maniera anonima e con l’andamento della domanda della destinazione per intercettarne i picchi ed adeguarne le tariffe, diventa oggi ancora più importante”.

Gianluca Ermeti, presidente di Aia Palas, il consorzio che riunisce strutture ricettive partner nella gestione delle presenze alberghiere del Palacongressi di Rimini, dichiara: "Nel nostro consorzio, abbiamo sempre tenuto in grande considerazione dati e statistiche, proprio perché materia del nostro lavoro, ma ci rendiamo conto che sono limitati ad un solo settore ricettivo, quello congressuale, raccolti poi solo negli hotel che interessati all’evento. Ma si può sicuramente fare meglio, dato che sono convinto che in un periodo di evento congressuale vengano occupate molte camere, quindi quelle rimaste disponibili valgono di più".

Partner del progetto anche Riviera Banca, l’Istituto di Credito presente nel territorio ed attivo in progetti a sostegno del tessuto economico di Rimini. “Quale banca di Credito Cooperativo - conclude Matteo Merlini, responsabile digital innovation di RivieraBanca -, supportiamo gli albergatori nell'evoluzione digitale ed interpretiamo il turismo come grande opportunità per il territorio, e come veicolo per il banking commerciale ed innovativo".

Tra le attività in programma: formazione continua per gli operatori sull’utilizzo della piattaforma e tavoli di confronto sull’analisi dei dati. Non ci sono limiti relativi a stelle e categorie alberghiere. C’è tempo fino al 1 marzo per dare la propria adesione ed entrare a far parte del progetto.

Il futuro del settore dell’hospitality sempre di più si basa sull’analisi dei dati e sul confronto continuo tra hotel e destinazione, per questo il progetto di raccolta dati turistici degli hotel della destinazione si pone come veicolo di crescita del settore e come base per scelte strategiche innovative ragionate per dare attrattività a Rimini anche in periodi meno richiesti, nell’ottica di un turismo vivo 365 giorni l’anno.

0-9-6

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le stanze degli hotel ai raggi X, gli albergatori sapranno in tempo reale il trend delle prenotazioni

RiminiToday è in caricamento