Tari 2017, il 30 settembre scadono i termini per il pagamento della seconda rata

Il pagamento della rata può essere effettuato in qualunque sportello bancario, postale e per via telematica, senza addebito di commissioni

Il 30 settembre è l’ultimo giorno utile per il pagamento della seconda rata della Tari, il tributo sui rifiuti. Si ricorda, a chi non avesse già provveduto per il 2017 al totale pagamento del tributo in unica soluzione, che il pagamento della rata può essere effettuato in qualunque sportello bancario, postale e per via telematica, senza addebito di commissioni, utilizzando i modelli F24 allegati. Coloro che hanno smarrito o non sono più in possesso dei modelli F24 precompilati e inviati nel mese di maggio possono scaricarli accedendo alla piattaforma LINKMATE, collegandosi all’indirizzo https://sportellotel.servizienti.it/rimini e usando le credenziali riportate nell’invito stesso. In alternativa può esserne richiesta copia telefonando all’ufficio Tari.

I contribuenti che non avessero ottemperato in tutto o in parte al pagamento delle rate precedenti (2°- 3° rata 2016) possono regolarizzare la propria situazione entro un anno dalla scadenza utilizzando l’istituto del ravvedimento operoso (sanzione ridotta al 3,75%). E’ possibile ricevere l’invito al pagamento per l’anno 2018 in via telematica, inoltrando specifica richiesta all’indirizzo tassarifiuti@comune.rimini.it. Nella richiesta dovranno essere indicate le proprie generalità, un indirizzo mail/pec ed inviato in allegato un documento di riconoscimento valido. In questo modo si eviterà il pagamento di 2 euro per le spese postali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

Torna su
RiminiToday è in caricamento