menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tenta di estorcere denaro ad imprenditore, arrestato

Seimila euro in cambio del silenzio per non divulgare “foto compromettenti”. Il tentativo di estorsione è stato fermato lunedì dagli agenti della Polizia di Ravenna e Rimini

Seimila euro in cambio del silenzio per non divulgare “foto compromettenti”. Il tentativo di estorsione è stato fermato lunedì dagli agenti della Polizia di Ravenna e Rimini, che hanno arrestato un 40enne. La vittima è un imprenditore ravennate. La vicenda trae origine da settembre, quando l'imprenditore ha cominciato a ricevere una serie di chiamate da una persona, che ha chiesto soldi per non divulgare delle foto a suo dire compromettenti della fidanzata.

Nel corso delle varie telefonate, l’ignoto interlocutore ha fissato l’entità della somma in 6mila euro, stabilendo che il luogo della consegna doveva essere nel riminese, minacciandolo che in caso contrario avrebbe divulgato quanto in suo possesso per procurare un danno all’immagine sua e della sua ragazza. L'impresario si è rivolto alle forze dell'ordine, facendo scattare le indagini condotte unitamente alle Squadre Mobili di Ravenna e Rimini.
Lunedì pomeriggio la vittima è stata contattata per l’ennesima volta dall’estorsore che gli ha imposto di recarsi a Rimini per la consegna del denaro.

La Polizia non attendeva altro che la consegna del denaro La fase terminale dell’operazione è stata particolarmente complessa e solo grazie alla sistema investigativo adottato si è giunti all’individuazione del soggetto, grazie ad un Ispettore della Squadra Mobile di Ravenna che lo aveva precedentemente notato nel corso di un primo contatto e che successivamente è riuscito a sorprenderlo proprio mentre dava le indicazioni finali per la consegna dell’ingente somma.

Una volta ottenute le prove e l’esatta individuazione del soggetto sono intervenute le pattuglie di Rimini e Ravenna per arrestarlo La successiva perquisizione ha consentito di acquisire ulteriori elementi probatori. L’arrestato è stato quindi condotto in Questura a Rimini e associato in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento