Rischia la vita per una sigaretta: accoltellato alla gola da un 43enne

Il malcapitato straniero è stato molto fortunato: a dire dei medici, bastava un solo centimetro in più di penetrazione della lama per cagionare una ferita mortale, in quanto sarebbero state compromesse la trachea e/o la carotide

Trentacinquenne polacco ferito con una coltellata al culmine di un banale litigio. E' quanto accaduto nel tardo pomeriggio di venerdì in via Gambalunga, a Rimini. Secondo quanto ricostruito, il malcapitato è stato avvicinato da due individui, che hanno chiesto una sigaretta. Quando ha replicato di andare al tabacchi nei pressi per acquistarle, la coppia ha reagito con insulti e minacce. Impaurita, il 35enne ha consegnato ai due una sigaretta, per poi allontanarsi per evitare il peggio.

Ma i due individui, non accontentandosi di aver recuperato la sigaretta, lo hanno inseguito, e, una volta raggiunto, hanno continuato ad offenderlo e a colpirlo da dietro. Mentre il 35enne si è voltato per difendersi, è stato raggiunto da un colpo al volto inferto da uno dei due, probabilmente con un coltello, provocando una ferita al collo (guaribile in 10 giorni). Il malcapitato ha cercato di tamponare l’emorragia con le mani, dileguandosi in direzione mare per raggiungere la casa di un amico e farsi aiutare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il possesso degli indizi somatici dell’aggressore nonché l’attento controllo in zona effettuato dagli equipaggi delle volanti della Polizia ha permesso di rintracciare l’aggressore nei pressi della stazione. Si tratta di un 43enne, che, riconosciuto senza ombra di dubbio dalla 35enne, è stato arrestato per tentato omicidio. Il malcapitato straniero è stato molto fortunato: a dire dei medici, bastava un solo centimetro in più di penetrazione della lama per cagionare una ferita mortale, in quanto sarebbero state compromesse la trachea e/o la carotide.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento