menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trecento coperti per la festa di solidarietà in ricordo di Giuseppe Savoretti

Trecento coperti, un centinaio le prenotazioni che non è stato possibile esaudire per mancanza di spazio, 5.495 euro raccolti tra i proventi della cena (4500 euro) e quelli della lotteria a premi (995 euro)

Trecento coperti, un centinaio le prenotazioni che non è stato possibile esaudire per mancanza di spazio, 5.495 euro raccolti tra i proventi della cena (4500 euro) e quelli della lotteria a premi (995 euro). La festa di solidarietà nel ricordo di Giuseppe Savoretti, già Assessore al patrimonio, al decoro e ai centri di Buon vicinato del Comune di Riccione, mancato nei mesi scorsi è stata un vero successo.

Organizzata dall’Associazione Giuseppe Savoretti e dal Centro di Buon vicinato “I Villaggi” di piazzale Arezzo, con il patrocinio del Comune di Riccione, la festa serviva a finanziare l’acquisto, da parte dell’Associazione medico-chirurgica “Francesco Gnazzi”, di un ecoendoscopio per l’Ospedale Ceccarini di Riccione. Obiettivo centrato, come spiega Giuseppe Onorato, gastroenterologo dell’Ospedale Riccione e Vice Presidente all'Associazione “Dr. Francesco Gnazzi Onlus”: “Con l’incasso di questa serata la somma necessaria per l'acquisto di questo apparecchio l’abbiamo probabilmente superata. Grazie anche a questo nuovo strumento, il reparto di gastroenterologia dell'Ospedale Ceccarini si attesta, per capacità diagnostiche, tra i primi dieci ospedali d'Italia. Una grande soddisfazione da condividere con tutti coloro che ci stanno aiutando nella crescita del nostro ospedale”.

La figura di Giuseppe Savoretti è stata ricordata più volte nel corso della serata. “Giuseppe era una persona speciale – ha ricordato il Sindaco Massimo Pironi -  per lui avevo coniato l'Assessorato al decoro e alle piccole cose, ma lui aveva il dono di farle diventare grandi. L'esperienza del Buon Vicinato è stata una di queste.  Aveva la capacità di ascoltare ogni voce e ogni contributo. E’ uno degli insegnamenti che Giuseppe ci ha affidato”.

“Una serata come questa è stata il miglior modo di ricordare Giuseppe – ha aggiunto Milena Cecchini, vedova dell’Assessore scomparso. Era una persona che amava stare in mezzo alla gente. Il senso della comunità per lui era fortissimo come la volontà di non lasciare indietro nessuno. Per lui l'impegno politico significava soprattutto questo”.
Ad animare la serata ci hanno pensato il rock del gruppo “Born in the Usl” e le performance dei ragazzi del Centro 21, che con le coreografie di Eleonora Gennari sulle musiche dei Blues Brothers e dei Beach Boys hanno strappato applausi a scena aperta.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento