Turismo, ecco il nuovo brand della Perla Verde: “Riccione. Il tuo star bene”

"Riccione è una città che ha sempre saputo osare, e che guarda con fiducia al suo futuro" ha affermato il sindaco Massimo Pironi, presentando il progetto del nuovo brand elaborato dalla società Inarea

“Riccione. Il tuo star bene”. Questo è il concetto guida con cui la città simbolo della vacanza si proporrà ai suoi pubblici: dai cittadini residenti ai tanti ospiti, italiani e stranieri, vecchi e nuovi. La Riccione in bianconero della villeggiatura e quella delle luci al led del divertimento non vanno in soffitta ma vengono integrate – è il caso di dire – in un disegno più grande: un’offerta unica, capace di contenere le tante espressioni di un territorio che ha nel proprio dna il principio dell’accoglienza. E’ una nuova idea di Riccione e, come succede spesso, il futuro affonda le radici nella propria storia.

“Riccione è una città che ha sempre saputo osare, e che guarda con fiducia al suo futuro” ha affermato il sindaco Massimo Pironi, presentando il progetto del nuovo brand elaborato dalla società Inarea. “La tradizione più bella della nostra città – ha proseguito il sindaco – è forse quella di essere sempre alla ricerca della novità, la sua capacità di interpretare la contemporaneità. Una dote che ci viene riconosciuta soprattutto all’esterno.  Per comunicare la qualità di una città e di un territorio oggi servono strumenti nuovi, competenze, professionalità. Questo è un lavoro che guarda lontano, un progetto di marketing urbano che mira alla valorizzazione della qualità del nostro sistema turistica e sua alla riconoscibilità all’esterno”.

“Nessuno può chiamarsi fuori dalla grande competizione – ha affermato Antonio Romano, leader di Inarea – e vincerà il territorio che saprà imporre la propria immagine a tutte le categorie dei suoi potenziali fruitori. Non è sufficiente però lavorare sull’immagine, ma sull’intero prodotto turistico. Far sì che Riccione continui ad essere percepita come il luogo dello star bene, un concetto che riunisce l’aspetto della vacanza a quello dell’accoglienza e della dimensione umana”.

“E’ un lavoro che ha avuto inizio nel luglio scorso – ha ricordato Cristian Amatori, Capo Gabinetto del Sindaco e Referente per la comunicazione – con interviste in città agli operatori e ai referenti delle categorie economiche. Un passaggio necessario per capire aspirazioni, desideri, limiti e necessità di chi opera nel tessuto economico cittadino. Un’operazione nata volutamente al di fuori dell’Ammistrazione comunale, che ha mantenuto un ruolo di impulso iniziale, ma senza intervenire dall’alto, perché solo così avrebbe potuto funzionare. Ma il lavoro non si ferma qui, e può avere grandi potenzialità, soprattutto in ambito turistico.”

Il progetto è stato curato da Inarea Identity and Design Network, società italiana leader nella realizzazione di sistemi di identità per imprese e territori. Guidata da Antonio Romano, Inarea ha al proprio attivo progetti come il Land dell’Hessen, in Germania, lo Stato di Rio, in Brasile, la città di Stoccolma, il Comune di Milano e Roma Capitale. Tra i lavori più significativi: i tanti marchi delle grandi aziende italiane come Acea, Borsa Italiana, Capitalia, Edison, Enel, Pirelli real Estate, Rai, Tim, Trenitalia, e il recente rebranding del cane a sei zampe dell’Eni; i marchi di realtà istituzionali come la Biennale di Venezia, Confindustria, la Nazionale olimpica italiana e il Coni, Sapienza Università Roma, i sindacati Cgil, Cisl e la Ces, Confederazione Europea dei Sindacati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento