menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ubriachi seminano il terrore alle "Cantinette": 6 arresti

Maxi rissa nel cuore della nottata tra giovedì e venerdì alle Cantinette. Una banda di nordafricani, visibilmente "alticci", si era recato nel centro di Rimini, girando alcuni locali in cerca di alcol.

Maxi rissa nel cuore della nottata tra giovedì e venerdì alle Cantinette. Una banda di nordafricani, visibilmente “alticci”, si era recato nel centro di Rimini, girando alcuni locali in cerca di alcol. Al diniego dei titolari, si sono allontanati, per poi ritornare armati di bottiglie. Ad un certo punto le hanno lanciate contro un locale ed i suoi clienti. I proprietari hanno subito chiesto l’intervento delle forze dell’ordine. Polizia e Carabinieri hanno bloccato tre soggetti.

Ma prima dell’arrivo delle “luci blu”, la banda aveva ferito due giovani turisti romani e tre militari liberi dal servizio. Le manette sono scattate per un 27enne tunisino e due marocchini, rispettivamente di 21 e 23 anni, che sembra facciano parte di un giro specializzato nello spaccio di droga a Marina Centro, lungo il Marecchia e nel centro storico. Le accuse sono di rissa, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, poiché i tre si sono scagliati contro gli agenti.

Il 21enne inoltre si è ferito spaccandosi una bottiglia, per poi lanciarsi con la testa sanguinante contro una delle tre “gazzelle” dei Carabinieri intervenute sul posto insieme a due Volanti della Questura. Feriti anche due poliziotti ed un carabiniere.  Il giudice venerdì mattina ha convalidato gli arresti, mentre sono in corso le indagini per individuare il resto della banda.

La Squadra Mobile ha poi arrestato altri tre componenti della banda: si tratta di tre tunisini di 24, 26 e 28 anni,  uno clandestino mentre gli altri due con un permesso di soggiorno per ragioni umanitarie, trovati all’interno di un residente a Bellariva. Qui è stato ritrovato tutto l’occorrente per tagliare la droga, alcuni panetti di hashish,eroina e cocaina pronti per esser spacciati, circa 5000 euro e oggetti tecnologici rubati in alcune auto nel centro. Per il terzetto l'accusa anche di ricettazione e detenzione ai fini di spaccio di droga.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento