rotate-mobile
Cronaca Santarcangelo di Romagna

La Valmarecchia protagonista di un nuovo itinerario sostenibile per un turismo sempre più "green"

Il progetto Take it slow, programma europeo Italia-Croazia di cui la Regione Emilia-Romagna è partner, si propone alla stampa e al mondo dell’intermediazione turistica estera con un nuovo itinerario sostenibile

Si è svolta giovedì, 29 settembre 2022, presso la Sala consiliare del Comune di Santarcangelo di Romagna, la conferenza stampa del progetto Take It Sslow, programma europeo Italia-Croazia di cui la Regione Emilia-Romagna è partner, che si propone alla stampa e al mondo dell’intermediazione turistica estera con un nuovo itinerario sostenibile con l’obiettivo di aumentare il potenziale di crescita del turismo verde dell’area adriatica promuovendo un turismo eco compatibile e lento.

Il progetto ha individuato nella Valmarecchia l’area dove realizzare misure concrete di diversificazione di prodotti turistici innovativi, basati su siti del patrimonio naturale e culturale attraverso il coinvolgimento dei portatori di interesse del territorio, per costruire un Piano d’azione partecipativo di conservazione e gestione dei beni. Idealmente l’area si estende dal borgo di Santarcangelo di Romagna, a quello di Pennabilli. Dopo i primi incontri dell’ottobre 2021, il confronto tra gli attori locali interessati è proseguito fino a fine novembre con la plenaria che si è svolta a Novafeltria, presso la Fondazione Valmarecchia, ideale punto di raccordo fra la bassa e l’alta Valmarecchia. A fine giugno è stato organizzato un ulteriore incontro presso il Palazzo Mediceo di San Leo, alla presenza degli enti decisori, per la definizione del piano d’azione del progetto.

Il confronto con gli operatori turistici e le attività dei Comuni di Santarcangelo e di Pennabilli, insieme alla formazione, è stato realizzato dalla Regione Emilia-Romagna con il supporto di Apt Servizi Emilia-Romagna, con l’obiettivo di definire insieme un modello di gestione dal basso e promuovere la regione adriatica come destinazione turistica transfrontaliera verde, intelligente, sostenibile, accessibile e lenta.

“Sguardi dal mare” è lo slogan creato dallo studio di comunicazione, con il quale è stato declinato il progetto in Valmarecchia, in una nuova lettura e fruizione turistica del territorio adriatico dell’Emilia-Romagna. “Spesso l’orizzonte è alle nostre spalle”, sono le parole del poeta Tonino Guerra che hanno accompagnato il progetto, invitando a voltarsi per guardare ciò che si trova alle proprie spalle e scoprire quello che ha da offrire quest’antica terra. Un luogo che con le sue fortezze e gli scorci naturalistici lambiti dal fiume Marecchia, è meta di piacevoli itinerari, in cui lo sguardo può distendersi sino all’orizzonte per accogliere la lentezza. Non è un caso che Santarcangelo di Romagna abbia dato i natali al poeta e Pennabilli è il borgo in cui ha scelto di trascorrere gli ultimi anni della sua vita.

“Sguardi dal mare” racconta anche un territorio fatto di persone e di esperienze autentiche in cui potersi immergere e alle quali fare ritorno. Un ricco itinerario che porta con sé il calore dell’accoglienza e la ricchezza degli sguardi di chi vive questa ricca terra di confine.

Il progetto raccoglie quindi le eccellenze, le bellezze e gli stili di vita delle terre trasversali all’Adriatico, delle pianure, delle colline, e delle montagne affacciate sul mare. Lo fa attraverso linee orizzontali, parallele rispetto al mare, offrendo ai visitatori uno sguardo più attento e consapevole a quello che li circonda, agli “orizzonti” spesso meno conosciuti della Romagna, che graficamente sono identificati da un logotipo e una serie di simboli che ripropongono l’elemento dell’occhio e dello sguardo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Valmarecchia protagonista di un nuovo itinerario sostenibile per un turismo sempre più "green"

RiminiToday è in caricamento