Chiringuitos, il dibattito s'infiamma. Confcommercio ribadisce: "Chiusura alle 23.30"

Sostiene il presidente di Confcommercio della provincia di Rimini, Gianni Indino: "Tutte le località turistiche e le mete più in voga tra il pubblico giovanile chiudono la spiaggia alle ore 22. Ibiza, Lloret de Mar, Cipro, Montenegro e Grecia"

Si infiamma il dibattito a Rimini sugli orari di apertura dei chiringuito. In un incontro con l'amministrazione comunale, Confcommercio ha proposto la chiusura alle 23.30, innescando una reazione a catena. Cna, in particolare, ha sottolineato come la spiaggia debba vivere anche di notte, alimentando così il braccio di ferro tra le associazioni di categoria. Sostiene il presidente di Confcommercio della provincia di Rimini, Gianni Indino: "Tutte le località turistiche e le mete più in voga tra il pubblico giovanile chiudono la spiaggia alle ore 22. Ibiza, Lloret de Mar, Cipro, Montenegro e Grecia. Non esiste da nessuna parte la spiaggia vissuta a tarda notte. Ad Ibiza hanno fatto un tentativo qualche anno fa, per poi tornare indietro la stagione seguente e ne ho testimonianza diretta dalle parole del presidente del consiglio di Ibiza, Vicente Torres Guasch, incontrato lo scorso anno".

Indino si rivolge anche al direttore di Cna, Davide Ortalli, portando l'esempio dell'area del Marano di Riccione: "Stiamo portando avanti un percorso legato a titoli autorizzativi che i locali possiedono. Questi locali sono a tutti gli effetti delle discoteche con regolare licenza da ballo, cosa molto differente da ciò che accade sulla spiaggia riminese. Stupisce molto che il direttore di una associazione di categoria non conosca la differenza tra legalità e illegalità. Sulla questione Marano, siamo pronti ad un tavolo con Federalberghi Riccione, interlocutore accreditato a parlare di turismo, per discutere il futuro dell’area e illustrare il progetto sottoscritto collettivamente dai locali e già presentato all’amministrazione comunale riccionese".

L’accordo tra categorie

“Sperando questa volta di non essere smentito, tutte le associazioni di categoria (ad eccezione di Cna che si è tirata indietro e ancora non ne abbiamo capito il reale motivo), riconfermano l’accordo raggiunto ai tavoli organizzati dall’amministrazione comunale riminese, per l’apertura dei chiringuitos tutto il giorno, con chiusura alle ore 23:30 - continua Indino -. Mi auguro che l’amministrazione tenga conto dell’accordo che coinvolge il 95% delle categorie sedute ai tavoli e interessate all’argomento, che dia risposte chiare perché la stagione è ormai alle porte e non dia totale credito ad una esigua minoranza”.

"No all’accentramento in spiaggia"

Prosegue Indino: “Ancora una volta ribadiamo che ci batteremo sino alla fine per non dare il via a questo tipo di accentramento di attività sulla spiaggia, che di fatto penalizza tutte le attività che insistono nell’area sopra al lungomare e nel centro storico, che tanto fanno per rinnovarsi, rimanere sul mercato e soprattutto rimanere aperte nonostante le tante difficoltà che incontrano. Siamo fermamente convinti che non si possa distorcere l’economia di un intero comparto solo a beneficio di pochi"-

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento