Mercoledì, 22 Settembre 2021
Politica

Elezioni, Giuseppe Conte benedice l'alleanza Lisi-M5S: "Inizia l'epoca del noi e non più dell'io"

La candidata sindaco: "Con i 5 Stelle ci radici comune nel civismo e nella mancanza di interessi individuali o di consorzi", per uno sguardo allargato a tutta la città"

La navigazione di Gloria Lisi verso le amministrative di ottobre a Rimini prosegue con un costante aumento della sua 'flotta'. Lo scorso 15 luglio, in barca, è salpata sola per annunciare la sua candidatura a sindaco, ma giovedì, spiega alla stampa convocata nella sede del suo comitato elettorale a due passi dalla stazione dei treni, "inizia l'epoca del noi e non più dell'io". Al suo fianco l'"intelligenthia" locale e non del Movimento 5 Stelle con il quale pochi giorni fa è stata ufficializzata l'alleanza dopo un avvicinamento iniziato nello scorso ottobre. Il sindaco di Cattolica, Mariano Gennari, altro Comune riminese che va alle urne e dove Lisi presenterà una lista a sostegno dei pentastellati, i parlamentari Marco Croatti e Gabriele Lanzi, facilitatore Affari interni Emilia-Romagna del Movimento. "La persona sarà al centro delle nostre politiche", affinchè "viva in una città dove ognuno si prende cura dell'altro", prende parola Lisi dando il benvenuto ai 5 stelle e rimarcando alcuni concetti della sua campagna elettorale: visione strategica della città per un territorio che "cresce insieme", centro e periferie; inclusione, con un occhio di riguardo per la disabilità; lavoro; sicurezza basata sulla prevenzione come la salute, diffusa nel territorio, per promuovere attività sportiva e sani stili di vita; donne e giovani. Dunque, sintetizza Lisi, "una visione di insieme" che supera il "divide et impera". Con il Movimento 5 stelle, precisa la nascita dell'intesa, ci sono "radici comune nel civismo e nella mancanza di interessi individuali o di consorzi", per "uno sguardo allargato fino all'ultimo centimetro quadrato della città. Nessuno del mondo cattolico mi ha chiesto che ci faccio con loro" e le "perplessità iniziali- rispond alle domande dei cronisti- in quanto erano visti come un partito si sono dissipate".

È la "rivoluzione gentile" di Lisi rispetto a una politica che "parla molto e ascolta poco. La campagna elettorale estiva è inedita- conclude- ma dà la forza di aprirsi al mondo". Il parlamentare pentastellato Croatti rivela che il rapporto con Lisi è nato nell'ottobre scorso, con la sua partecipazione a una serie di eventi organizzati dal Movimento. "Poi a gennaio ci siamo un po' fermati" ma "ci hanno riallacciato i temi". Che a Cattolica il Partito democratico non si sia alleato con il Movimento non c'entra, prosegue Croatti: da subito si è puntato a Rimini su un "civico con competenze" e quando "si è aperto lo scenario Lisi, la scelta è stata naturale". E tra l'altro, svela, ha anche accettato per i candidati in lista l'accesso dei dati alla commissione Antimafia, "un altro valore aggiunto". Insomma ci saranno lista e simbolo, conferma Lanzi: "M5S ha un nuovo statuto e un nuovo primo presidente, è stato un periodo travagliato ma ora c'è equilibrio. Questo percorso è stato validato da Roma", dallo stesso Giuseppe Conte e da Vito Crimi. "Molto soddisfatto" dal cambiamento interno al Movimento anche il sindaco uscente e ricandidato di Cattolica Gennari che riconosce a Lisi "un ottimo lavoro da vicesindaco a livello di distretto con scelte coraggiose. C'è piena condivisione sulle scelte e sarà una grande campagna elettorale". Così sono sei le liste a sostegno di Lisi: le sue cinque civiche, sanità-sport, imprenditoria, sociale e giovani, a cui si aggiungono quella dedicata all'ambiente e quella M5s. E lo staff continua a lavorare sugli scontenti dell'area moderata di centrodestra, nella convinzione che la scelta di Enzo Ceccarelli candidato sindaco possa dare una mano. (fonte Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Giuseppe Conte benedice l'alleanza Lisi-M5S: "Inizia l'epoca del noi e non più dell'io"

RiminiToday è in caricamento