L'omaggio di Napolitano ai martiri della Resistenza

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è arrivato nella tarda mattinata di domenica a Rimini dove, in piazza Tre Martiri, ha deposto una corona d'alloro in memoria di tre partigiani riminesi uccisi dai nazifascisti

Il presidente della Repubblica con un cappellino bianco, assieme al sindaco di Rimini, Andrea Gnassi

Sotto una canicola di caldo infernale, il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è arrivato nella tarda mattinata di domenica a Rimini dove, in piazza Tre Martiri, ha deposto una corona d'alloro in memoria di tre partigiani riminesi uccisi dai nazifascisti. Prima della deposizione, il capo dello Stato si è fermato a parlare con i familiari dell'equipaggio della petroliera 'Savina Caylyin', che è stata sequestrata l'8 febbraio 2011.



Al suo arrivo l'inquilino del Quirinale è stato accolto, oltre che dal sindaco Andrea Gnassi e dal presidente della Provincia, Stefano Vitali, da cartelli 'liberi subito' scritti da un gruppo di Procida, familiari del comandante della petroliera, Giuseppe Lubrano Lavadera, e del marinaio Crescenzio Guardascione.

"Sono tornati i pirati, non mi aspettavo che tornassero i pirati…", sono state le parole di Napolitano. Napolitano si è avvicinato ai familiari dei rapiti prima di deporre la corona in ricordo ai martiri della resistenza.  Alla richiesta di un suo intervento per giungere al più presto alla liberazione dei marinai italiani sequestrati, Napolitano ha risposto che "si deve attivare il ministero degli Esteri".

Napolitano è stato acclamato da una folla festante e non curante della temperatura vicina ai 40 gradi, scuotendo il cappellino bianco della Marina Militare in risposta ai cittadini che lo salutavano. Il capo dello Stato si è anche avvicinato alle transenne per stringere le mani di riminesi e turisti che si protraevano per toccarlo.

Veniero Accreman, ex sindaco di Rimini e in passato deputato in Parlamento, lo ha avvicinato ricordandgoli che "ero con lei alla Camera ai tempi di Togliatti, si ricorda?". "Eh, è passato tanto tempo...", ha risposto Napolitano. Dopo la deposizione della corona di fiori, il presidente ha salutato anche le associazioni combattentistiche e d'arma e i rappresentanti dell'Anpi, l'associazione nazionale dei partigiani.

> TUTTE LE NOTIZIE SUL MEETING DI RIMINI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento