Residenze fittizie a richiedenti asilo, la Lega: "Fornite da Casa don Gallo costata al Comune 140mila euro"

Bruno Galli e Matteo Zoccarato: "Gnassi e la Lisi sono a conoscenza di questa attività di dubbia moralità e legalità con strutture e fondi pubblici?"

Mentre la Caritas diocesana si chiama fuori escludendo che ci siano ospiti delle proprie strutture aventi a che fare con la retata di arresti dell’operazione Clean Park della Squadra Mobile di Rimini, dei 18 arrestati per spaccio di droga nei parchi molti avrebbero a che fare con l’associazione alla quale il Comune di Rimini ha concesso Casa don Gallo. 
Il primo ad esternare malumore era stato il consigliere comunale della Lega, Matteo Zoccarato. Ma ora anche il segretario provinciale Bruno Galli prende posizione: “Questa, come tante altre, è una di quelle situazioni che sembrano controverse e poco chiare – dice – la Lega più volte ha posto il problema ma le risposte arrivate mai hanno chiarito del tutto. Se quanto emerso dalle indagini venisse confermato perché a queste Case tutto sarebbe consentito? Come mai di fronte ad occupazioni, scontri e tanta delinquenza in cambio si concedono favori, investimenti e presenza costante con tanto di inaugurazioni?”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Nel marzo scorso viene annunciato che il Comune di Rimini – ricorda in un post su Facebook il consigliere leghista Zoccarato - investirà 140.000 euro per ristrutturare "Casa Don Gallo", per darla in gestione ad un noto centro sociale, al fine di portare avanti progetti per i bisognosi. A ottobre il Sindaco Gnassi ed il Vice-sindaco Lisi inaugurano la struttura rinnovata, definendola "progetto di comunità in una visione di città aperta e solidale”. E ora i gestori della Casa ammettono di distribuire "residenze fittizie" ai migranti per ovviare ai problemi di clandestinità e di permesso di soggiorno. “Molti dei suddetti beneficiari di questo "servizio" – conclude Zoccarato - sono finiti in manette in questi giorni, a seguito della maxi operazione Clean Park per spaccio di droga. Ma Gnassi e la Lisi sono a conoscenza di questa attività di dubbia moralità e legalità con strutture e fondi pubblici, o è questa è la loro visione di "progetto di comunità"?
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Test sierologico gratuito, ecco le farmacie della provincia di Rimini che aderiscono

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento