Politica

Sicurezza al pronto soccorso, Piccinini (M5s): "Subito videosorveglianza e aumento del personale"

Focus del consigliere grillino in Regione sulle aggressioni e sulle violenze al personale negli ospedali

Le aggressioni e i casi di violenza ai danni del personale che lavora negli ospedali, in particolare nei pronto soccorso, diventano oggetto di un'interrogazione della consigliera del Movimento Cinque Stelle Silvia Piccinini, che parte dall'ultimo episodio di qualche giorno fa all'ospedale di Rimini "dove si è verificata un'autentica caccia al ladro che in più occasioni ha cercato di rubare biciclette elettriche tagliando le catene con le tronchesi". Per la consigliera M5s vige "uno stato di diffusa insicurezza" e per questo dovrebbero essere diversi gli interventi: dalla "presenza di forze dell'ordine nelle strutture, alla videosorveglianza".

Per questo Piccinini chiede alla giunta "come intenda affrontare il grave problema della sicurezza nelle strutture sanitarie e se intenda invitare le Ausl e le Aziende ospedaliere a potenziare i posti di pubblica sicurezza nelle strutture". Inoltre, Piccinini domanda all'esecutivo "se non ritenga opportuno potenziare i pronto soccorso con nuovo personale per corrispondere alle reali necessità e se intenda promuovere, anche in accordo con il governo, iniziative specifiche, anche sperimentali, per risolvere le criticità evidenziate".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza al pronto soccorso, Piccinini (M5s): "Subito videosorveglianza e aumento del personale"

RiminiToday è in caricamento