Giovedì, 24 Giugno 2021
social

La festa della mamma: storia e origini, significato e curiosità

La seconda domenica di maggio si festeggia la festa della mamma: qual è il vero significato di questa festa e quando è nata?

La festa della mamma è tra le ricorrenze più amate e sentite sia dai bambini sia dagli adulti. In Italia, e in diversi Paesi del mondo, si celebra la seconda domenica di maggio. Per l’occasione ogni figlio vuole dimostrare il proprio affetto con un regalo: cioccolatini, fiori, cartoline ed altri pensierini ideati proprio per l’occasione sono la regola in questo giorno speciale. 

Ma chi ha inventato questa ricorrenza? 

Orgini della festa della mamma

Julia Ward Howe, pacifista e femminista americana, fu la prima a proporre la festa della mamma, così come la conosciamo noi, nel 1870. Ma fu, pochi anni un'altra donna, Anna M. Jarvis, a far si che la festa divenne una ricorrenza celebrata nel mondo.

Anna era, infatti, profondamente legata alla madre e dopo la sua morte inviò lettere ai ministri e ad alte cariche pubbliche affinché venisse istituita una festa per celebrare tutte le mamme del mondo. Grazie alla sua insistenza e tenacia la prima festa della mamma venne celebrata a Grafton il 10 maggio 1909.

Anna scelse anche simbolo della festa: il fiore preferito della madre, il garofano bianco.

Storia della festa

La storia di questa festa risale al periodo della Guerra civile americana, combattuta tra il 1861 ed il 1865.

Quando la madre di Anna, Ann Reeves Jarvis, nel West Virginia, diede vita ad un club di sole donne con l’intento di aiutare le vittime della guerra e di contrastare la mortalità infantile, attraverso il miglioramento delle condizioni igienico sanitarie delle famiglie. 

Al termine della Guerra civile negli Stati Uniti, vennero organizzati degli eventi pacifisti per promuovere la rappacificazione tra gli ex nemici, tra cui le “Giornate dell’amicizia tra madri”. Ma anche altri eventi simili per promuovere la riconciliazione tra gli ex nemici.

Fu allora che Ann Jarvis pensò al “Mother’s Friendship Day”, un evento a favore dei reduci di guerra. Sua figlia Anna si impegnò per diffondere l’iniziativa nello stato del Virginia. Nel 1905 morì sua madre e il “Mother’s Friendship Day” assunse un nuovo significato.

Il 10 maggio 1908 si tennero le prime celebrazioni a Grafton, in West Virginia, la cittadina in cui era nata Anna Jarvis, e la chiesa del paese, accolse per primo l’evento. Oggi è nota come International Mother’s Day Shrine (“Tempio della Festa internazionale della Mamma”). L’evento riscosse in poco tempo un grande successo. Nel 1914, il presidente americano Woodrow Wilson destinò ufficialmente la seconda domenica di maggio alla celebrazione della festività.

La festa della mamma in Italia

In Italia, la festa della mamma come la intendiamo oggi è nata a metà degli anni cinquanta in due diverse occasioni, una legata a motivi di promozione commerciale e l'altra a motivi religiosi. 

La prima risale al 1956, quando Raul Zaccari, senatore e sindaco di Bordighera, in collaborazione con Giacomo Pallanca, presidente dell'Ente Fiera del Fiore e della Pianta Ornamentale di Bordighera-Vallecrosia, prese l'iniziativa di celebrare la festa della mamma a Bordighera, al Teatro Zeni; successivamente la festa si svolse al Palazzo del Parco. 

La seconda risale all'anno successivo e ne fu protagonista don Otello Migliosi parroco di Tordibetto di Assisi, in Umbria, il 12 maggio 1957. L'idea di don Otello Migliosi fu quella di celebrare la mamma nel suo forte valore religioso, cristiano anzitutto, ma anche interconfessionale, come terreno di incontro e di dialogo delle varie culture tra loro.

Da allora, ogni anno, la parrocchia di Tordibetto celebra ufficialmente la Festa con importanti manifestazioni a carattere religioso e culturale. Sempre a Tordibetto è localizzato, unico in Italia, un "Parco della Mamma", progettato dall'architetto assisano Enrico Marcucci intorno ai resti dell'antica chiesa di Santa Maria di Vico, con al centro una statua della maternità, opera dello scultore Enrico Manfrini. 

Il 18 dicembre 1958 Raul Zaccari, insieme ad altri 6 senatori,  presentò al Senato della Repubblica un disegno di legge per ottenere l’istituzione della festa della mamma. L'iniziativa suscitò un dibattito in Senato, che si prolungò anche nell'anno successivo: alcuni senatori ritenevano inopportuno che sentimenti così intimi fossero oggetto di norma di legge e temevano che la celebrazione della festa potesse risolversi in una fiera di vanità. 

La festa prese ugualmente campo in tutta Italia, e, secondo alcune fonti la data corrisponde all'8 di maggio. Secondo altre fonti, invece, la festa fu spostata per motivi commerciali nella seconda domenica di maggio e da allora rimase fissata a tale momento.

Le date della festa della mamma nel mondo

In gran parte degli Stati europei, negli Stati Uniti, in Giappone, in Australia e in numerosi altri Paesi la festa cade nella seconda domenica di maggio; a San Marino si festeggia il 15 marzo; in Spagna e Portogallo la prima domenica di maggio; nei paesi balcanici l'8 marzo; in molti paesi arabi la festa cade invece nel giorno dell'equinozio di primavera. Per un elenco completo delle date in cui ricorre la festa, si veda il paragrafo festa della mamma nel mondo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La festa della mamma: storia e origini, significato e curiosità

RiminiToday è in caricamento