rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Altro Misano Adriatico

Marc Marquez torna in sella sulla pista di Misano, Bagnaia il più veloce dei test

Il pilota spagnolo della Honda ha girato per tutta la mattinata dopo lo stop forzato di quasi 100 giorni a causa della quarta operazione al braccio destro

Marc Marquez (Team Repsol Honda) ha fatto il suo tanto atteso ritorno in pista ai Test di Misano. L'obiettivo era fare 40 giri e guidare solo durante la sessione mattutina, ed è stata una missione compiuta per l'otto volte Campione del Mondo. C'era molta positività da parte di Marquez dopo lo stop forzato e tante cose da provare sulla sua moto. Il primo giorno di test ufficiali si è concluso con il miglior tempo di Pecco Bagnania sulla Ducati già vincitrice del Gp di San Marino e della Riviera di Rimini mentre in casa Yamaha si è testato il nuovo motore per il 2023.

Nei box Honda la più grande novità della giornata è stata appunto il ritorno di Marc Marquez. Dopo aver completato 39 giri prima della pausa pranzo, l'otto volte Campione del Mondo e il suo team hanno deciso di non girare per il resto del pomeriggio per essere pronti per il Day 2, un ottimo segno che la sua rimonta è stata un successo. L'altro grande segno è che non ci è voluto molto prima che il numero 93 iniziasse a testare nuove parti per HRC, poiché i giganti giapponesi continuano a concentrarsi sull'ottenere il pacchetto 2023 giusto. Marc Marquez, che ha chiuso a 1.1 secondi dal miglior tempo, stava guidando una Repsol Honda nera con una nuova presa d'aria, condotti aerodinamici e di lavaggio sulla carenatura laterale, simili a quelli che abbiamo visto usare Ducati nelle ultime due stagioni. Si ritiene che i condotti di lavaggio creino un effetto suolo quando la due ruote è su un lato, dando più stabilità e più aderenza. Ora sembra che la Honda stia giocando con questa idea. Inoltre, la Honda ha un altro set di nuove carenature laterali, proprio come le Aprilia, che hanno la grande carenatura laterale sporgente che sembra mirata a creare un effetto suolo simile a quello che fa un pavimento in F1. Una cosa degna di nota è stata il collaudatore HRC Stefan Bradl che ha testato un forcellone in alluminio costruito da Kalex. È un enorme cambiamento per Honda poiché utilizza da diversi anni il proprio forcellone in carbonio interno. Inoltre, Takaaki Nakagami (LCR Honda Idemitsu) montava una presa d'aria nuova di zecca, mai vista su una delle sue moto. È un po' più largo e non abbastanza alto come la presa d'aria standard e differisce da quella che usava anche Marc Marquez. Come previsto, c'era molto da fare nei ranghi HRC.

Come abbiamo sentito prima del test, la Yamaha ha un nuovo motore da provare a Misano. Fabio Quartararo (Monster Energy Yamaha MotoGP) che ha completato 80 giri l'ha utilizzata martedì e ha confermato che si tratta di un passo positivo, una buona notizia per la casa di Iwata. Il leader della corsa al titolo è stato il sesto più veloce nella giornata di apertura, a poco meno di tre decimi dal principale rivale Bagnaia. È stato anche messo alla prova un nuovo telaio, mentre una delle YZR-M1 di Franco Morbidelli (Monster Energy Yamaha MotoGP) è stata avvistata con una nuova presa d'aria. È possibile che possa far parte del pacchetto motore 2023. Inoltre, sono state testate nuove ali, che sembravano essere più grandi di quelle che hanno al momento sulla bici del 2022.

Il collaudatore Aprilia Racing Lorenzo Savadori ha due moto da testare nel Day 1, mentre si ritiene che la fabbrica di Noale stesse testando alcune nuove ali. E parlando di ali, Aprilia è tornata a far funzionare l'alettone posteriore che abbiamo visto apparire un paio di volte. Sia Aleix Espargaro (Aprilia Racing) che il compagno di squadra Maverick Viñales si sono alternati in testa ai tempi nel pomeriggio. Alla fine, gli spagnoli hanno occupato rispettivamente P3 e P5 alla fine del gioco. Espargaro è caduto illeso alla curva 14, stretta e difficile.

Per quanto strano possa sembrare, martedì non c'era molto da scoprire in termini di parti aggiornate nelle scuderie Ducati. Visibilmente, comunque. Bagnaia ha fatto capire durante il fine settimana che non pensava che avrebbe testato troppe cose nuove, ma ciò non significa che non stessero testando nulla, tutt'altro. Una cosa che però è stata notata è l'ala del sidepod che si estendeva leggermente più in basso rispetto a quella standard che Ducati utilizzava da tempo. Sei Ducati hanno chiuso nella top 10 con Luca Marini (Mooney VR46 Racing Team) secondo, a 0.181 dal collega Bagnaia della VR46 Academy, mentre Jorge Martin (Prima Pramac Racing) – caduto illeso alla curva 15 – è stato il terzo pilota Desmosedici più veloce della P4.

Il tre volte campione del mondo e leggenda della MotoGP Dani Pedrosa è tornato a svolgere i test per la Red Bull KTM Factory Racing e lo spagnolo è stato visto provare un sedile e un codone aggiornati. Brad Binder (Red Bull KTM Factory Racing) è stato il pilota RC16 più veloce in pista, il sudafricano ha chiuso P11, a 0.624 dal ritmo di Bagnaia. Dopo una corsa impressionante l'ultima volta, Raul Fernandez (Tech3 KTM Factory Racing) era a soli 0.059 secondi da Miguel Oliveira (Red Bull KTM Factory Racing) 1:32.336, ma la giornata dello spagnolo è stata leggermente rovinata da un incidente alla curva 14.

Con Joan Mir (Team Suzuki Ecstar) messo da parte per infortunio, il vincitore della Coppa del Mondo FIM Enel MotoE 2022 Dominique Aegerter ha avuto l'opportunità di salire in sella alla GSX-RR. Il pilota svizzero ha chiuso la giornata a soli 2,6 secondi dal ritmo di Pecco; una performance davvero impressionante. Dall'altro lato del box, Alex Rins (Team Suzuki Ecstar) stava provando alcune parti di raffreddamento per la parte posteriore della moto. Lo spagnolo è arrivato P12 nella classifica dei tempi, a 0,6 secondi dal primo posto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marc Marquez torna in sella sulla pista di Misano, Bagnaia il più veloce dei test

RiminiToday è in caricamento