Austin, l'incertezza delle gomme mette a dura prova i piloti riminesi

Le qualifiche si sono caratterizzate per una una pista che, di giro in giro, si è asciugata rendendo gli ultimi 15 minuti spattacolari

E’ dello spagnolo Jorge Martin sulla Honda (Team Gresini) la pole del terzo round del Mondiale 2018 di Moto3. Sul tracciato di Austin (Stati Uniti) si sono caratterizzate per una una pista che, di giro in giro, si è asciugata. Inizialmente i piloti, infatti, hanno girato con gomme rain ma negli ultimi 15′ si è assistito a un vero e proprio show con pneumatici slick che hanno premiato lo spagnolo. Il migliore degli italiani è stato Fabio Di Giannantonio, sull’altra Honda (Gresini), bravo ad adattarsi velocemente al mutamento dell’asfalto, distanziato di 868 millesimi dal vertice e precedendo Enea Bastianini (Leopard Racing) (+0″948) da cui ci si sarebbe aspettati qualcosa di meglio ma la gara è domani. Dietro il riminese il rookie dello Sky Racing Team VR46, Dennis Foggia, mentre il suo compagno di box, Nicolò Bulega, continua ad annaspare nelle retrovie con un pallido 23esimo posto. Entra nella top ten un altro riminese, Marco Bezzecchi (Redox PruestelGP), che ha dimostrato di essere molto a suo agio sul bagnato e meno performante su pista “dry”. Per quanto concerne gli altri riminesi, Andrea Migno (KTM - Angel Nieto Team) si è classificato 16esimo e Niccolò Antonelli (Honda - Sic58 Squadra Corse)19esimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Tremendo schianto in autostrada, un morto e un ferito in gravi condizioni

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: come ottenere il codice per vincere fino a 5 milioni di euro

  • Ristoranti aperti solo per i conviventi, Conte: "Chiediamo a tutti di rispettare le regole"

Torna su
RiminiToday è in caricamento