Derby a senso unico: il Cesena con un super Ricciardo espugna Santarcangelo

I bianconeri di mister Beppe Angelini hanno dominato in lungo in largo, espugnando il "Valentino Mazzola" con un roboante 4-0

Un irriconoscibile Santarcangelo è uscito sconfitto nel derby contro il Cesena. I bianconeri di mister Beppe Angelini hanno dominato in lungo in largo, espugnando il "Valentino Mazzola" con un roboante 4-0. Gli ospiti hanno disputato la miglior partita della stagione, precisa in difesa, con un reparto che ha trovato una forte solidità con l'arrivo di Federico Agliardi, e travolgente in attacco. Da paura l'asse Valeri-Ricciardo; maiuscole le prestazioni di Tortori e Campagna. E che dire di Ricciardo: il terzo gol, da figurine Panini, è la fotografia di un giocatore fuori categoria. Nella ripresa c'è stata gloria anche per Nicola Capellini, subentrato nel secondo tempo, per il definitivo 4-0. Poca cosa il Santarcangelo, praticamente assente davanti ai tifosi di casa, salvo qualche isolato squillo.

PRIMO TEMPO - Primi minuti piacevoli. Il Cesena interpreta bene l'inizio di partita e premere subito sull'acceleratore. Al 5' è Valeri a scaldare Battistini con un calcio di punizione dalla distanza, facile preda per l'estremo difensore. Sempre Valeri ci poca con un'incursione dalla sinistra, palla alta sopra la traversa. I bianconeri tengono alto il ritmo: Tortori lancia Alessandro sulla fascia sinistra, il bomber lascia partire una conclusione ben bloccata da Battistini. All'improvviso si sveglia il Santarcangelo: minuto 10, Peroni crossa rasoterra per il rimorchio di Cinque la cui pregevole gira di destra di prima intenzione esce di poco a lato con Agliardi battuto. Due giri di lancette e il Cesena va in gol: discesa dalla sinistra di Valeri, servizio preciso per Giovanni Ricciardo che ha un rigore in movimento: piattone preciso e Battistini battuto, 1-0. Al 16' azione fotocopia sempre sull'asse Valeri-Ricciardo, ma la difesa gialloblu spazza via in angolo.

Dal corner il numero 9 bianconero incorna di poco alto. Al 18' è l'ex Cascione il primo ammonito del match per un brutta entrata su Tortori. Il Santarcangelo soffre sulla fascia sinistra ed è proprio da qui che gli ospiti trovano le migliori occasioni. Al 32' Ricciardo trova il raddoppio: grandissima azione sulla sinistra di Tortori che spara su Battistini dopo una rapida serpentina, l'estremo difensore respinge, ma arriva il tap-in vincente del bomber siciliano. Al 36' Alessandro ci prova con un destro a giro, la sfera non inquadra la porta. Il Cesena quando attacca fa paura: al 42' Tortori serve Ricciardo, il bomber calcia a botta sicura e colpisce il legno interno. Al 44' ospiti ad un passo dal 3-0 su azione di contropiede: Valeri pesca Tortori, la difesa santarcangiolese si salva in corner. Sull'azione da calcio d'angolo Ricciardo si inventa una bicicletta da Champions League e trova un clamoroso gol.

SECONDO TEMPO - Il Cesena riparte subito in attacco e addirittura sfiora il poker col solito Ricciardo: traversone dalla destra di De Feudis, l'incornata del bomber bianconero finisce di poco alto. La squadra di Angelini continua a premere: al 5' Tortori cerca la gloria personale, i gialloblu si chiudono in calcio d'angolo (sulla battuta non succede nulla). All'11 primo squillo dei padroni di casa su azione orchestrata da Maini, ma Famoli calcia malamente e Agliardi blocca senza padroni. Al 17' botta dalla distanza di Cascione e palla di poco a lato complice un'impercettibile devazione. Al 19' finisce tra gli applausi di tutto lo stadio la partita di Ricciardo, sostituito da Capellini. Al 22' e al 23' ci provono prima Tortori (scavetto deviato in angolo) e poi Alessandro (tiro a giro felpato), ma il quarto gol arriva con subito dopo con Capellini, che in scivolata capitalizza in rete un assist di Alessandro su azione innescata dal solito Tortori. Nei minuti finali non succede praticamente nulla. Per il Santarcangelo è notte fonda, il Cesena balza al secondo posto a due punti dal Matelica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

Torna su
RiminiToday è in caricamento