"Ciao Sic", un libro che raccoglie 128 pagine di foto inedite

"Ciao Sic". Un libro che contiene 128 pagine con foto inedite del pilota di Coriano scomparso prematuramente in occasione del Gran Premio della Malesia a Sepang

“Ciao Sic”. Un libro che contiene 128 pagine con foto inedite del pilota di Coriano scomparso prematuramente in occasione del Gran Premio della Malesia a Sepang. L'opera, realizzata dalla partnership tra il Gresini Racing Team e la Casa Editrice di Faenza Group S.p.A, che vuole ricordare i momenti più belli e significativi dell’ultima stagione agonistica del giovane pilota romagnolo, ha anche un obiettivo benefico.



Infatti, parte degli incassi derivanti dalla vendita del libro saranno devoluti alla “Fondazione Marco Simoncelli” per le proprie attività di beneficenza. Fausto Gresini, patron dell’omonimo team nel quale ha corso Simoncelli, riassume in poche righe gioie e dolori di una stagione che ha lasciato tanta tristezza nel Team e nel mondo del motociclismo: «Sic, o ancor meglio “Super Sic”, era straordinario e in questo libro lo si vuole ricordare!».

Anche il giornalista Paolo Beltramo ha portato il proprio personale contributo al volume. Insieme a Marco, “Paolone” ha scritto “Diobò che bello!”, un condensato di simpatiche ed ironiche frasi che riassumono mirabilmente il carattere, il cuore, l’allegria e l’acume di Simoncelli. Un modo diverso per ripercorrere e rivivere le 16 gare prima del tragico epilogo in Malesia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

Torna su
RiminiToday è in caricamento